Sono tempi duri per coloro che credono nei progetti di ampio respiro e profondo spessore artistico come quello del carro di Tespi che, da nove anni, grazie all’impegno e alla dedizione della Società Filarmonia di Udine porta in scena nelle più belle piazze friulane e non solo performance operistiche di altissimo livello e qualità culturale.

“Non è facile andare avanti con i tagli alla cultura che l’ultima amministrazione regionale ha operato nel settore artistico- commenta amareggiato Alfredo Barchi, Maestro Concertatore e Direttore Artistico della manifestazione – perché fa tristezza vedere che si continua ad operare non in sinergia con le altre forze della regione ma quasi in contrasto, o per lo meno, c’è una mancanza di comunicazione fra Associazioni che operano nello stesso campo e dunque si rischia di disperdere le energie  e di non valorizzare le belle realtà esistenti”.

Tornando al programma di quest’anno sarà presto in scena l’Attila di Verdi , come dicevamo ad opera della Società Filarmonia di Udine, che porterà sui palchi delle più belle piazze friulane (e su tre del Veneto, oltre ad  una della Croazia) questo dramma lirico di notevole spessore artistico e culturale, che diventerà uno fra gli appuntamenti più caldi e apprezzati  dell’estate 2013.  L’iniziativa, giunta alla sua nona edizione, è organizzata  e sostenuta con passione dalla Società Filarmonia, il cui direttore artistico e Maestro principale, Alfredo Barchi, ha scelto ancora una volta di affidarsi alla musica del genio di Busseto per trasmettere il fascino immortale della musica operistica al pubblico di molte città del Friuli Venezia Giulia, anche e soprattutto dove le strutture esistenti lo avrebbero reso praticamente impossibile, riempiendo le piazze del Friuli nel periodo estivo.

“Filarmonia – spiega ancora il Maestro Barchi – ha l’intento di promuovere e dare fiducia a giovani talenti, provenienti da tutto il mondo e selezionati tramite audizioni, perché possano utilizzare il palco del carro di Tespi come trampolino di lancio per una lunga e felice carriera di successi. E’ una lirica in cui i giovani sono protagonisti –conclude Barchi – anche in altri momenti di grande importanza, come la realizzazione delle scenografie che è stata affidata ai gruppi del Sert di Udine e i due preparatori del coro della Società Filarmonia, Erica Zanin e Roberto Radassao, e all’artista delle luci  Sergio Scabar.

Un’altra delle qualità vincenti che sono il lasciapassare per i successi di  Filarmonia è costituita dal fatto che la Società opera da anni sul territorio riuscendo sempre a tenere presente la necessità di contenere i costi per riuscire a portare la lirica anche in luoghi in cui non potrebbe mai arrivare senza l’esistenza di un palcoscenico mobile: un obbiettivo che è ripagato puntualmente da una serie di “tutto esaurito” nelle varie piazze in cui lo spettacolo fa tappa.

A questo si deve aggiungere che il Carro di Tespi si muove in forma autonoma con un palcoscenico modulare dalle dimensioni di 18 metri per 14, quattro torri per le luci e la fonica, due tir e due furgoni per il trasporto di attrezzature e scenografia, due autovetture e due pullman per il trasporto di orchestra, coro, cantanti e comparse. Nelle edizioni precedenti il progetto, che ha sempre ottenuto un ottimo riscontro di critica e di pubblico, ha già portato nelle varie piazze “Il barbiere di Siviglia” Rossini nel 2005, la “Cavalleria rusticana” di Mascagni nel 2006, l’“Elisir d’amore” di Donizetti nel 2007, la “Cenerentola” di Rossini nel 2008, il “Don Pasquale” di Donizetti nel 2009, “La traviata” di Verdi nel 2010 e il “Rigoletto, sempre di Verdi, nel 2011 e il Trovatore, nel 2012.

info
Ecco le date del Carro di Tespi edizione 2013:

  • UDINE, martedì 2 e giovedì 4 LUGLIO, piazza Duomo
  • GEMONA martedì 9 LUGLIO, piazza del Ferro
  • LATISANA, giovedì 11 LUGLIO, piazza Indipendenza
  • TOLMEZZO, mercoledì 17 LUGLIO, piazza XX settembre
  • AQUILEIA sabato 20 LUGLIO e lunedì 22 LUGLIO, Piazza Capitolo