Image

facebook

Quel mostro chiamato Internet

Internet fa paura ai politici italiani. Qualcuno addirittura ritiene Facebook «più pericoloso dei gruppi extraparlamentari degli anni settanta». L’accusa è semplice, la Rete – e in particolare i social network – permettono il proliferare di messaggi che sarebbero, secondo le analisi degli accusatori, delle vere e proprie istigazioni alla violenza, al razzismo e alla delinquenza in genere. La causa scatenante di questa voglia di censura è l’aggressione al premier Berlusconi, le reazioni e i commenti che sono seguiti in Internet. Read More

E su Facebook simuliamo dittature

Stufo di perdere ore su Facebook spazzolando animali e piantando barbabietole? Cestina Pet Society e FarmVille e passa a un passatempo assai più divertente e meno educativo: Dictator Wars, il nuovo social-rpg creato da Game Layers. Alla faccia del politically correct, qui devi incarcerare blogger dissidenti, arrestare senza motivo centinaia di passanti e invadere con i carri armati la capitale.
La strada per passare da bullo di provincia a Grande Fratello (non quello di Aran Endemol, quello di Orwell) della tua personalissima distopia è lunga e tormentata. Per prima cosa devi scegliere se instaurare una teocrazia, una dittatura militare (il nostro caso) o un regime “democratico”. Poi cominci completare missioni come “Promuovi membri della tua famiglia a posizioni importanti”. In questo modo guadagnerai soldi, fama e esperienza. Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi