Image

Indice

Il computer dei poveri diventa realtà

By  •  Indice, Arte, Società

Un'immagine dell'ultima versione dell'XO-1«Un computer per ogni bambino». In queste parole Nicholas Negroponte sintetizza la filosofia che sta dietro il progetto dell’XO-1. Dietro questo codice si nasconde forse la più grande rivoluzione informatica dai tempi di Internet: un computer portatile di qualità, prodotto e venduto a prezzi bassissimi (la cifra dovrebbe aggirarsi attorno ai 100 $) capace di alimentarsi semplicemente col movimento di una manovella.
Molti sorrideranno paragonando una macchina del genere ai più moderni Pc o ai sofisticati Macintosh, ma naturalmente l’XO-1 non nasce per fare gola a noi ricchi occidentali. L’XO-1 è stato studiato e testato per funzionare anche nelle condizioni più estreme (persino nel deserto) e anche in mancanza di elettricità (ecco spiegata la famosa manovella): è in definitiva il primo computer progettato per il terzo mondo. Read More

L'Italia dei "bamboccioni": una riflessione

By  •  Indice, Società

Su questo argomento d’inchiostro se ne è versato già parecchio. Ma è stata una notizia flash, di quelle di una settimana, di quelle legate ad una battuta di un momento e poi dimenticate. Perché nel Bel Paese non sembra proprio il caso di analizzare i problemi, è più opportuno chiosare esternazioni occasionali.
Arriviamo dunque al soggetto di questo intervento: che l’Italia è popolata da Bamboccioni. Lo scriviamo così, con la lettera maiuscola: quasi fosse un cognome di cui fregiarsi.
Ebbene, dato che Medeaonline è pensata, scritta e redatta prevalentemente da bamboccioni, tanto vale parlarne, dire la nostra e, tanto che ci siamo, chiudere a nostro modo la faccenda. Read More

Vuoi l'ultimo disco dei Radiohead, fai la tua offerta o scaricalo gratis

By  •  Indice, Arte

Thom Yorke, cantante dei RadioheadSecondo una stima effettuata da Wired, rivista statunitense dedicata alle nuove tecnologie, In Rainbows, settimo disco dei Radiohead, ha incassato tra i 6 e i 10 milioni di dollari.
Recenti statistiche affermano che l’album, dal 10 ottobre scaricabile dal sito ufficiale con offerta libera, viene valutato dai circa 1 200 000 ascoltatori, mediamente per 10 o 12 dollari. Altri sostengono che la donazione media per disco si aggira tra i 6 e gli 8 dollari. Le stime più pessimistiche ritengono che i Radiohead abbiano incassato mediamente solo 5 dollari a download, raggiungendo quota 6 milioni di dollari. Read More

Internet e censura: la legge Levi-Prodi e la fine della Rete

By  •  Indice, Società

Ricardo Franco LeviEccezionalmente riportiamo di seguito l’intervento di Beppe Grillo sulla proposta di riforma della legge sull’editoria avanzata dal governo di centrosinistra.
Il governo Prodi si propone di burocratizzare e controllare pesantemente la libertà di espressione anche su Internet. Il disegno di legge firmato da Ricardo Levi porta l’Italia a livelli di censura simili a quelli delle peggiori dittature e sicuramente indegni di un paese civile e democratico.
Dal futuro di questo disegno di legge dipende il destino di questo e di milioni di blog e di siti di informazione libera (e non, dato che il disegno di legge prevede di “regolamentare” anche siti di interesse strettamente privato) presenti in Internet. Difficile non chiedersi come mai tanto interesse per la libera circolazione delle idee via internet proprio in questo momento storico, segnato dalla cosiddetta “antipolitica” e dall’insofferenza di molti cittadini nei confronti della classe politica. Internet è forse diventato un pericoloso strumento di sovversione da controllare ed eventualmente censurare?
Se dovesse passare questa riforma le uniche fonti di informazione in Italia diverrebbero quelle ufficiali controllate e controllabili direttamente da quella che si conferma giorno dopo giorno una vera e propria Casta oligarchica. (Vai agli aggiornamenti) Read More

Sulle spalle dei Giganti 2 – Rommel: l'ombra del tradimento

By  •  Indice, Arte

Erwin Rommel sul fronte africanoErwin Rommel, la “volpe del deserto”, il più conosciuto e temuto comandante dell’esercito del Reich. Uno dei tasselli fondamentali dell’intera macchina militare tedesca. È stato l’artefice delle vittorie – e delle sconfitte – del contingente tedesco in Africa (il famigerato Afrika Korps) durante la seconda guerra mondiale. È stato il modello dell’uomo nuovo voluto a qualsiasi costo da Hitler e dal nazismo. È stato uno dei protagonisti della stagione più tremenda e folle dalla storia tedesca.
Un vincente, un riferimento, un eroe e infine un traditore. Un militare abile e – nella sua orrenda professione – geniale. Un uomo colpevole di essersi schierato e di aver difeso il più orribile tra i regimi. Se la storia si scrivesse dando valore esclusivamente alle azioni ispirate dalla giustizia lui verrebbe ricordato solo per un tradimento tardivo. Cosa ha spinto un uomo nella sua posizione a tradire Adolf Hitler? Che parte ha avuto nell’organizzazione del attentato al Fuhrer? Perché Hitler, dopo averlo costretto al suicidio, lo celebrerà con imponenti funerali di stato? Read More

Quanto può essere pericoloso fare il giornalista in Messico?

By  •  Indice, Società

Dal settembre del 2006 sono stati 8 i giornalisti uccisi in Messico e il bilancio sale a 33 morti e 7 dispersi considerando gli ultimi sette anni. Molti di questi omicidi sono stati attribuiti ai narcotrafficanti ma dietro ad alcuni casi ci sarebbe una matrice politica. La giustizia messicana, comunque, si è mostrata incapace di perseguire i responsabili e questa impunità di fatto rende il Messico la nazione americana più pericolosa per i giornalisti, nonostante la situazione sia migliorata con l’inizio del governo Vincente Fox nel 2000 (al quale è succeduto nel 2006 Felipe Calderón). Read More

Colpo di scena: vince Veltroni

By  •  Indice, Società

Walter VeltroniWalter Veltroni, come da pronostici, è il segretario del nascente Partito Democratico italiano. Il sindaco di Roma è stato eletto con il 75,7% dei voti. Un successo, secondo esponenti della maggioranza, poiché sono andati alle urne circa tre milioni di persone, meno delle primarie del 2005, che portarono alle urne oltre quattro milioni di elettori, ma è da considerare che queste consultazioni erano teoricamente aperte a solo una parte del centrosinistra. I partiti di sinistra e quelli di centro, infatti, non avevano candidati, che in questo caso, non considerando i due outsider, provenivano dagli ormai disciolti partiti dei Democratici di Sinistra e de La Margherita. Le operazioni di voto, tuttavia, non sono ancora chiuse, poiché all’estero, in America, si sta ancora votando, causa il fuso orario. Read More

…e invece Jessica Biel

By  •  Indice, Arte

Jessica Biel

La cronaca politica vorrebbe che noi scrivessimo del nascente Partito Democratico. Sarebbe il caso di elencare i candidati, spiegarne brevemente i programmi e magari seguire l’andamento delle primarie. Esattamente per questi motivi abbiamo scelto di presentarvi Jessica Claire Biel.
Questa giovane attrice, originaria di Boulder nel Colorado, è ormai una star nota negli Stati Uniti e pare destinata ad una sfolgorante carriera nel Cinema. All’età di 14 anni ottiene la parte di Mary Camden in Settimo cielo, un telefim bigotto e ipocrita fortemente ispirato dalla famiglia Bredford. Read More

Gli olandesi pretendono un cambio omaggio dalla Microsoft: «Tenetevi Vista, rivogliamo Windows XP»

By  •  Indice, Arte, Società

Bill GatesIn Olanda 5 000 utenti del sistema operativo Microsoft Windows Vista hanno chiesto alla Consumentenbond, l’organizzazione internazionale olandese dei consumatori, di stipulare un accordo con Microsoft Netherlands per la sostituzione gratuita nei loro computer di Vista con il vecchio sistema operativo di Redmond, Windows XP.
L’azienda guidata da Bill Gates ha rifiutato la proposta affermando che è possibile effettuare un downgrade esclusivamente dalle versioni Business o Ultimate, che costano rispettivamente 500 e 600 euro. Read More

Boom di pignoramenti: 1,9milioni di famiglie italiane faticano a pagare il mutuo

By  •  Indice, Società

Con il rialzo dei tassi d’interesse sui mutui le famiglie italiane faticano sempre più pagare le rate. Secondo le stime dell’Adusbef i pignoramenti quest’anno dovrebbero aumentare del 19% a causa dell’insostenibilità delle rate dei mutui concessi per il 91% a tasso variabile e quindi suscettibili a ogni ritocco del costo del denaro.
L’Adusbef denuncia come l’insolvenza riguardi i contratti a tasso variabile «per responsabilità precisa delle banche che non negoziano gratuitamente i mutui e non applicano il decreto Bersani sulla portabilità». Read More