Vivi e lascia morire, la seconda volta di James Bond

Il secondo romanzo di Ian Fleming sulle avventure dell’agente segreto James Bond risale al 1959. Adelphi l’ha ripescato e rimesso in stampa per un’edizione da intenditori che (nel bene e nel male) rispetta filologicamente il testo originale. In quest’avventura l’agente Bond, reduce dall’affare finito malino del Casinò francese, vuole vendetta per l’amata perduta (Vesper Lynd) e la cerca in America, a New York. 007 vuole fare la pelle a un trafficante di tesori antichi che lavora per conto dei comunisti, ossia i mandati dell’omicidio di miss Lynd. Leggere il James Bond un po’ retrò di Fleming nel 2014 ha effetti balsamici sullo spirito: i cattivi sono cattivissimi, i buoni anche se duri sono pur sempre buono, gli amici non tradiscono e i governi hanno ancora il potere per combattere il male. Niente a che vedere con il James Bond dell’ultima generazione cinematografica (siete avvisati), ma pur sempre una lettura da non perdere.

Post collegati

“Bob Noorda, una vita nel segno del design”, la recensione

Spectre, un ritorno alle origini per James Bond

Versus, comparazioni tra prodotti nell’era di Internet