Hannibal, un serial tv per stomaci forti

Tutti conoscono il dottor Lecter, il suo nome d’arte è “il cannibale” ed è facile intuirne il motivo. Il personaggio più riuscito di Thomas Harris, uno psicologo con la passione per l’omicidio e per il cannibalismo, è il protagonista di una delle serie tv più riuscite dell’Nbc e il successo è merito anche della penna di Bryan Fuller (già sceneggiatore di Star Trek, Heroes e altre serie) che ha saputo tradurre in 13 episodi per stagione le angoscianti storie di omicidi seriali partorite dal genio di Harris. Hannibal racconta gli anni precedenti all’arresto del dottor Lecter quando il buon dottore faceva da consulente per l’Fbi e, a tempo perso, assassinava innocenti per mangiarli. A dare il volto al dottor Lecter è stato chiamato il bravissimo Mads Mikkelsen capace, con una maestria impressionante, di dare vita a una leggenda nera della letteratura

Post collegati

“Bob Noorda, una vita nel segno del design”, la recensione

Spectre, un ritorno alle origini per James Bond

Versus, comparazioni tra prodotti nell’era di Internet