Amelia ʺAmiʺ Destradis, quando la fantasia è di scena

Insegnando da qualche anno in una scuola prevalentemente elementare, capita spesso di andare alla ricerca di attività e idee originali per i bambini, per far apprendere in modo ludico. Così, per caso, sono capitate sulla pagina Facebook di una maestra molto estrosa e creativa, Ami.

Ho cominciato a seguirla prendendo qualche volta spunto dai vari lavori che pubblicava, sopratutto dai libricini disegnati in maniera semplice ma spiritosa e ben spiegati per insegnare l’italiano in modo giocoso, senza perdere la componente didattica.

Fra le sue creazioni c’erano anche delle shopper di tela disegnate e decorate a mano; davvero bellissime.

Mi ci sono un po’ rispecchiata, poiché anch’io amo questo genere di cose, disegnare, dipingere creare delle unita’ didattiche o lavoretti di ogni genere e così via. Così le scrivo, innanzitutto per farle i complimenti, e perché volevo acquistare il suo libretto sugli articoli e se poteva farmi due shopper una per me e l’altra per una mia amica che vive a Bologna alla quale avrebbe spedito tutto, visto che a breve sarei dovuta andare con una mia collega a Perugia, passando per Bologna.

 

La maestra Ami

Parlando con lei, scopro che entrambe siamo pugliesi, che abbiamo molte cose in comune e che Ami vive proprio a Perugia. Dovevamo assolutamente conoscerci così decidiamo di incontrarci a Perugia e che lei mi darà personalmente tutto il materiale richiesto.

Destino o semplicemente caso? Qualunque cosa fosse per me é stato importante.

A Perugia conosco Ami; un incontro davvero stupendo e un’amicizia che é nata e che spero duri per molto tempo. Ecco perché ho pensato di dedicare a lei questo articolo per farvi conoscere una donna molto talentuosa e una bravissima maestra.

Amelia, meglio conosciuta come maestra Ami, è pugliese ma ormai da anni vive a Perugia. Ha conseguito il diploma come Assistente di comunità infantile e poi due lauree, una in Pedagogia e l’altra in Scienze della formazione.

Amelia ha moltissime passioni, tra cui il disegno (ha imparato da autodidatta ma ha sempre disegnato fin da bambina), i lavori creativi, gli animali (ha un gatto coccolone di nome Stiche), Frida, la nota pittrice. Inoltre ama moltissimo seguire i concerti di chitarra classica del suo compagno Sandro. Ami ha anche una vera vocazione per il suo lavoro.

Attualmente insegna in una classe terza elementare e lei si divide tra il suo lavoro di insegnante e di mamma: ha un figlio che ormai è un bel giovanotto di 16 anni. Usando il suo talento e seguendo le sue passioni, Ami crea il proprio materiale didattico, le sue shopper decorate e segue la sua pagina Facebook Maestra Ami.

Sebbene il tempo libero sia veramente poco, Ami cerca di conciliare tutto: lavoro, passioni , fare la mamma e la casalinga, tutto con energia, una forte dose di vitalità e un grande sorriso. Però, ha una regola che cerca di portare avanti quanto piú possibile: riposo assoluto nel fine settimana e fare lunghe passeggiare, per ricaricarsi e ossigenare la mente, pronta a nuove ispirazioni.

Le sue shopper sono veramente qualcosa di straordinario e, essendo molto seguita e apprezzata sulla sua pagina, riceve numerose richieste per la realizzazione delle shopper sempre uniche e particolari. Soprattutto perché, come mi raccontava Ami, sono nate per caso; infatti ne aveva create una per se stessa e ne ha pubblicato le foto sulla sua pagina. Subito è stata sommersa dalle richieste.

Ma come le realizza? Semplicemente usando shopper di cotone e pennarelli con colore indelebile per tessuti; i soggetti da disegnare vengono scelti da chi le commissiona il lavoro, tenendo conto del suo modo di disegnare, molto fumettistico e poco realistico, come ci tiene a precisare lei stessa.

Ma la sua creatività non si ferma solo alle shopper, sempre più richieste, ma anche quaderni con la copertina decorata, scatoline di legno, lavoretti di natale e così via. Tutto realizzato a mano guidata dalla sua fantasia e dal talento. « Creo tutto ció che mi fa felice in quel momento e ciò che la mia fantasia mi ispira».

 

La grammatica dei pianeti

Pensando sempre al suo lavoro di insegnante, Amelia ha anche realizzato dei libricini. Infatti, da sempre usa materiale didattico creato da lei stessa in base ai bambini che ha nelle sue classi. Poiché i libri precostituiti non la soddisfano completamente ha pensato di crearli lei stessa. L’ultima sua fatica è La grammatica dei pianeti, il cui protagonista è Frasottino, un robot che viaggia in cerca di qualcuno che possa aiutare lui e i suoi amici a parlare e scrivere meglio.

«Durante il suo viaggio Frasottino incontrerà 9 pianeti, tanti quanti sono le parti del discorso.», afferma Amelia. Per ora Ami ha realizzato il libro del Pianeta Nome e degli Articoli, mentre sta già lavorando a quello del Pianeta Verbi. I primissimi libretti che Ami ha realizzato sono stati quello de Gli animali da colorare (che io ho, assieme a quello del nome e degli Articoli e del Nome e che spesso uso nelle mie lezioni integrando con i libri di testo) e dei Numeri da zero a dieci. Ma di certo continuerà a creare libri didattici per i bambini della scuola primaria che imparano divertendosi, e anche perché é lei per prima che si diverte nel crearli e usarli a scuola.

Tutto questo, ma anche molto di più lo si può trovare sulla pagina Facebook Maestra Ami, che lei ha creato qualche anno fa, dopo un periodo buio e difficile della sua vita. Infatti, Amelia ha raccontato che ha passato un terribile periodo in cui stava veramente male, a causa di un’operazione non andata a buon fine che non le permetteva più di camminare, costringendola a stare a letto a casa o in ospedale.

Questa situazione, oltre a farla soffrire la rendeva depressa, sentendosi sola e lontana dal mondo della scuola; le mancavano i suoi bambini, il suo lavoro, la voglia di creare. Così ha deciso di aprire questa pagina che da quel momento è stata per lei il ponte verso l’esterno, le ha dato un motivo per tornare a reagire e vivere in modo positivo e fortunatamente ci è riuscita.

Oggi la pagina, come già detto prima, ha numerosi followers che stimano questa ʺmaestra artistaʺ e i cui lavoro sono sempre più apprezzati e richiesti.

Post collegati

#Recuperi 1: Dune, la recensione

Mivar, finisce il sogno della tv made in Italy

“Bob Noorda, una vita nel segno del design”, la recensione