La parola a Ernesto Sabato che, in questo estratto da Prima della fine, racconta la genesi di un suo romanzo (Il tunnel) e riflette sulla necessità della scrittura.

L’edificio che ospitava l’Unesco era stato in precedenza sede della Gestapo, e quell’atmosfera rarefatta, con le sue pratiche burocratiche, sgretolò ancora una volta l’universo kafkiano nel quale mi muovevo. Immerso in uno stato di cupa depressione, davanti alle acque della Senna caddi in preda alla tentazione del suicidio.

[continua a leggere su Ars Goetia…]