Image

Monicelli

Mario Monicelli: cronaca di una morte inaspettata

Il regista Mario Monicelli si è dunque ucciso la sera del 29 novembre 2010, lanciandosi dal quinto piano del Reparto di urologia dell’Ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato. Questa settimana abbiamo tutto sentito, tutto detto. Lo ricordiamo un’ultima volta con i fatti. E con due spezzoni dei suoi celebri film. Ciao Mario. Grazie. Read More

Il nostro omaggio a Mario Monicelli

By  •  Indice, Arte


Quando si scrive d’un regista che si è tanto amato, si rischia di incorrere in penose celebrazioni in cui si giunge a negare anche qualche vistoso difetto, dissimulando nella maniera più evidente. In questo caso però non ho timore, perché scavando nei ricordi dei numerosi film di Mario Monicelli, riesco a rievocare solo glorie e mai cadute.

Ci abbandona un altro punto fermo della nostra cultura, che pare si stia inesorabilmente avviando verso la conclusione.  Uno dei tanti della “vecchia scuola” che ci lasciano, senza un saldo timone culturale, ad annaspare in un mare sempre più grosso. Mario Monicelli era di quegli intellettuali presenti, presente ancora di più in virtù della sua grandiosa produzione cinematografica, che è quella che in particolare mi preme ricordare.

Voglio almeno accennare ad una breve carrellata delle sue opere, poiché ogni uomo è fatto di voci che lo formano e modellano, e nel mio caso, ho il coraggio di parlare in prima persona, il cinema di Monicelli è una di quelle voci che più di tante altre hanno contribuito alla mia formazione non solo culturale ma di uomo. D’altro canto, nelle grandi opere d’un artista si cela sempre la sua vera essenza, più che in qualsiasi atteggiamento esteriore dello stesso. Una vita più vera, fatta d’affetti, di idee rese arte, di personaggi divenuti icone. Read More

Ciao Mario (dall’Italia onesta)

By  •  Indice, Arte

Fonte: matteobertelliillustrazioni.blogspot.com

Il sacrificio di Monicelli

La prima cosa a cui ho pensato, apprendendo la notizia della morte di Mario Monicelli, è stato al suicidio di Socrate. Monicelli probabilmente avrebbe considerato, con la crudele ironia che lo contraddistingueva, quest’accostamento una fesseria, ma io credo che le cose stiano proprio così. Le circostanze sono, come ovvio, differenti, ma la lezione (tremenda, dolorosissima e importantissima) è la medesima: «Chi di noi vada verso una sorte migliore è oscuro a tutti, tranne che al dio». E al dio, quando e come è stato più comodo a Monicelli, il grande regista ha voluto rimettersi gettandosi nel vuoto. Non ha voluto aspettare i comodi della malattia che lo stava consumando e neppure rendere a noi italiani le cose più semplici: Monicelli amava e odiava questo Paese ed i suoi abitanti. Li ha sbeffeggiati in mille feroci parodie, li ha umiliati, li ha spronati e li ha insultati più e più volte perché credeva che dentro il popolo italiano ci fosse qualcosa di buono. Lui probabilmente negherebbe tutto, ma forse anche il suo suicidio è stato l’estremo tentativo di risvegliarci dal rincretinimento morale e sociale nel quale siamo finiti.

L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ieri notte diffondeva questo comunicato: «Mario era un iscritto all’Anpi, ci mancherai e ci mancherà il tuo cinema. Grazie Mario per quello che hai fatto. Il nostro paese è più povero, l’antifascismo italiano è più povero». Molti hanno voluto ricordare Mario Monicelli intervenendo in vari modi e su diversi siti Internet. Read More

Mario Monicelli: filmografia e bibliografia

By  •  Indice, Arte
  • Filmografia

Regista

* I ragazzi della via Paal (1935)
* Pioggia d’estate (1937)
* Totò cerca casa, con Steno (1949) Read More

Che ci stiamo a fare in questo mondo?

By  •  Indice, Arte

[Totò e Carolina di Mario Monicelli]