Image

ministero dei beni culturali

Bondi inventa l'”Equo compenso”: tassati Cd, Dvd, smartphone e lettori Mp3

By  •  Indice, Arte

Levata di scudi a seguito della pubblicazione del decreto del ministero dei Beni Culturali sull’”equo compenso” che prevede che il consumatore dovrà pagare preventivamente, sottoforma di aumento del prezzo totale, la sua quota di diritto d’autore secondo una tabella ben sintetizzata da Altroconsumo.  In pratica, si pagherà, come sempre, all’atto dell’acquisto di un file coperto da diritti, ma si pagherà anche, ed è questa la novità, per l’utilizzo potenziale di un supporto, che sia un Cd, un lettore Mp3 o un telefono cellulare. un po’ come se si desse l’ergastolo sulla fiducia a chi compra un’arma.

Piovono critiche ovunque sul web, da veri, presunti o improvvisati opponenti allo specifico operato del Governo, e sono talmente tante che viene da chiedersi chi abbiano votato queste persone alle ultime elezioni, visto come sono andate. Politica a parte, preso atto delle evidenti lacune di un decreto che dimostra tutta l’ignoranza in termini di tecnologia di chi ci governa, la conclusione meno oltraggiosa che si legge in giro è: «un paese così tecnologicamente arretrato non può aspettarsi altro». Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi