Image

limba

Cosa bisogna fare per farsi ascoltare?

Non c’è niente da fare: per avere ascolto bisogna incatenarsi a un cancello o issarsi su una gru. In alternativa si può bivaccare per un mese su una torre. Se i mesi sono tre, e la torre è aragonese, le probabilità d’essere ascoltati salgono vertiginosamente. La cosa migliore, ma non è cosa certa, è quella di rinchiudersi per sette anni nell’ex carcere dell’Asinara, possibilmente a digiuno. Un anno e trentaquattro giorni – e magari avendo l’impudenza di fare colazione, pranzo e cena – è stato provato empiricamente sulla pelle dei cassintegrati della Vinyls, non basta.

E non basta neppure scrivere un libro corale, e accorato, che parli del loro dramma e del dramma vissuto dalle loro famiglie. Se poi uno soffre di claustrofobia o di vertigini, deve limitarsi a scrivere ad un giornale per non farsi venire travasi di bile che sono sempre dietro l’angolo. Ovviamente anche questo, di per se, non è sufficiente. Il giornale deve avere anche un direttore che pubblichi quello che si scrive. È il mio personale caso: dopo quattro interventi sui vergognosi aumenti dei biglietti applicati dalle compagnie di navigazione sono giunto al quinto. Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi