Image

La Valiga delle Indie

In due parole Ennio Flaiano

Fellini presenta la Ekberg a Flaiano

L’inqualificabile Flaiano continua a sfuggire a ogni genere di definizione. Protagonista della dolce vita romana del dopoguerra, grande romanziere (anche se, in tutta la sua vita, ha scritto un solo romanzo: Tempo di uccidere), impareggiabile sceneggiatore (il favorito di Fellini) e soprattutto intellettuale di primissimo piano: Flaiano era tutto questo e molto altro ancora. Ma cosa c’è di tanto prezioso nel suo lavoro?
È meglio chiarire subito che Flaiano resterà per sempre un enigma della cultura italiana. Leggendo e rileggendo i suoi scritti (quasi tutti frammenti, opere incompiute, progetti faraonici lasciati in sospeso, freddure, elzeviri) se ne ricavano sempre impressioni nuove, spunti, idee e la sensazione costante di non aver afferrato completamente il suo messaggio. Qualcuno considera Ennio Flaiano un maestro dell’incompiuto, l’unico ad essere arrivato così in alto in letteratura scrivendo così poco e in maniera così disarticolata. Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi