Image

internet

Internet alla conquista dello Spazio

Nello Spazio non è per nulla facile fare quattro chiacchiere o mandarsi una mail. Lo sanno bene gli astronauti e lo sa bene anche la Nasa. Per fare un esempio …
Read More

L’Islanda diventarà porto franco per l’informazione libera

Internet è la nuova frontiera del giornalismo investigativo? Leggendo i risultati ottenuti da WikiLeaks sembrerebbe proprio di sì. Dal gennaio del 2007 pubblica materiale classificato e riservato proveniente (leggi trafugato) da governi o aziendale. E la cosa funziona (troppo secondo le sue “vittime”) perché mantiene rigorosamente anonime sia le fonti che gli estensori dei suoi contenuti proteggendoli da qualsiasi tipo di ritorsione. Ed è una precauzione assolutamente necessaria considerando che WikiLeaks è gestito da dissidenti del governo cinese, scienziati, attivisti, giornalisti e ha come obiettivi primari le nazioni dell’ex Unione Sovietica, dell’Africa sub-sahariana e del Medio Oriente.

1.200.000 documenti riservati attendono la pubblicazione su WikiLeaks, documenti che avranno certamente un grande impatto sulla vita delle persone e influenzeranno i media tradizionali. È già successo diverse volte in passato come quando il sito ha pubblicato sconcertanti rivelazioni sulla corruzione in Kenya. Lo scandalo più eclatante e famoso firmato WikiLeaks riguarda la gestione del campo di Guantanamo: senza il lavoro degli estensori del sito l’opinione pubblica non avrebbe mai saputo tutta la verità su quanto avveniva in quel luogo. Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi