Image

il club dumas

Il club Dumas: alla ricerca del libro di Lucifero

Enrique Taillefer, un importante collezionista spagnolo e proprietario di una raccolta di libri antichi fra le più famose al mondo, commissiona a Flavio La Ponte la vendita del quarantaduesimo capitolo manoscritto della prima edizione de I tre moschettieri di Alexandre Dumas, che porta il nome de Il Vino d’Angiò. Il signor Taillefer però muore prematuramente (viene ritrovato impiccato al lampadario del suo studio). Qui entra per la prima volta in scena Luca Corso, che viene incaricato dal suo migliore amico Flavio La Ponte, di autenticare il manoscritto. Luca Corso è, infatti, un cacciatore di libri, sempre alla ricerca di volumi antichi da consigliare agli appassionati.

Corso inizialmente ha un colloquio con Boris Balkan, influente appassionato di libri antichi che non riesce a provare l’autenticità del capitolo de I tre Moschettieri; quindi si reca presso la villa di Liana Lasauca (la vedova di Enrique Taillefer) che garantisce l’autenticità del documento in suo possesso, non riuscendo però a comprendere il motivo per cui suo marito avrebbe lo venduto dal momento che vi era tanto affezionato. Read More

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies | Continuando la lettura di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie more information | più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close | Chiudi