Image

casini

La rivoluzione rimandata

Le congiure di palazzo sono sempre di gran moda, soprattutto se servono a far rimanere le cose immutate. Tradimenti, riavvicinamenti, compravendite dei voti: sono cose già sentite e già viste che, alla gente comune, non interessano più. Se ne sono sentite tante di sciocchezze nei giorni scorsi, prima di quest’ennesima riconferma del governo Berlusconi. Chi sosteneva che bisognava evitare le elezioni anticipati altrimenti gli speculatori avrebbero assaltato la nostra disgraziata economia. Chi diceva che un governo tecnico Tremonti-Draghi era l’unica alternativa possibile a Berlusconi. Chi invocava un rimpasto nel centro-destra con l’allargamento all’Udc di Casini. Chi sognava un’opposizione col Partito Democratico e Futuro e Libertà. Tutte idiozie. In Parlamento è andata in scena la solita farsa, lo spettacolo per tenere buono il popolo bue. Read More

Nuovo fronte anti-Berlusconi: Casini apre le danze

Il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, parlando a margine dell’XI congresso nazionale del Movimento cristiano lavoratori, rilancia l’idea di un fronte democratico che si opponga a Silvio Berlusconi nel caso in cui il Cavaliere voglia tornare alle urne. Ai cronisti che gli chiedono se in una circostanza di questo genere anche Gianfranco Fini “sarà della partita”, Casini replica: “Mi auguro che questa partita non si giochi e che Berlusconi risolva i problemi del Paese. Ma se pensa di utilizzare la questione giudiziaria per trasformare la democrazia in una monarchia, attaccando Napolitano e la Consulta, avrà una risposta dura, netta e univoca. E ci saranno sorprese”. Il presidente della Camera non commenta: “All’estero non parlo di cose italiane”.

Rutelli: “Sì a fronte comune”. Si esprime favorevolmente Francesco Rutelli: “L’ipotesi di Casini, di fare un fronte comune anti-Berlusconi in caso di elezioni anticipate, mi pare troppo futuribile per parlarne oggi. Con Casini e con l’Udc vogliamo incontrarci e fare una cosa forte, solida, che raccolga consensi e dia spazio a una nuova soluzione alla paralisi di un bipolarismo dominato dalle estreme”. Read More