“Roma brucia”. Il titolo dell’editoriale del Times di oggi si ferma a questo, ma è chiara l’allusione a un Nerone che suona la cetra mentre tutto crolla attorno a lui. “Uno degli aspetti più deprimenti dello scandalo che avvolge il primo ministro italiano è che egli, nonostante un calo di consensi nei sondaggi, rimanga ancora al potere”, afferma il commento della direzione del quotidiano londinese.
Ci sono varie spiegazioni di questo, continua l’editoriale, “la più pertinente sembra essere la mancanza di un’alternativa credibile in un’opposizione divisa dopo la caduta del governo Prodi e tra gli stessi alleati del premier nel centro-destra”. Ma anche se per il momento Berlusconi sopravvive, il presidente della Camera Gianfranco Fini, dopo il dissidio di questi giorni con il leader del Pdl, “sta sicuramente pensando al lungo termine” e “rappresenta il meglio della destra, valori familiari e conservatorismo tradizionale”.
Tre cose rendono Berlusconi “vulnerabile”, scrive il Times. La prima è “il danno che egli ha causato all’immagine dell’Italia all’estero”. La seconda è “la mentalità da bunker in cui si è rinchiuso, le cause per diffamazione, le smentite, il voler far finta di credere che tutto va bene, nascondono una rabbia cocente per l’incapacità del suo mondo virtuale di proteggerlo”. La terza è un “non detto timore di ricatti”.
Varie delle giovani donne con cui il premier si è intrattenuto, osserva l’editoriale, sembrano essere straniere. “Cosa accadrebbe se una potenza straniera decidesse di strumentalizzare questa pacchiana faccenda? Non è una preoccupazione solo per Roma. L’Italia è un importante partner occidentale nella Nato, dai Balcani all’Afghanistan. Il comportamento del primo ministro preoccupa e imbarazza tutti gli amici del suo Paese”.
Oltre all’editoriale, il Times dedica un’altra pagina intera al caso Berlusconi, con due articoli, nei quali osserva che le rivelazioni sulle deposizioni di Gianpaolo Tarantini a proposito delle “30 donne fornite a Berlusconi per i suoi party aumentano la pressione sul premier”, la cui bonomia e i cui sorrisi “appaiono sempre meno convincenti, perché i problemi si accumulano, distraendolo in un momento in cui l’Italia ha bisogno di una mano ferma” che guidi l’economia. Il capo del governo, conclude il quotidiano di Londra condividendo l’opinione di un commentatore italiano, dà l’impressione di essere “un uomo arrabbiato, sconfitto e depresso, che litiga con tutti”.
Titoli e servizi analoghi sugli altri principali quotidiani britannici. “Altre cinque donne pagate da Berlusconi”, titola il Daily Telegraph, notando che gli ultimi sviluppo “aumentano la sensazione che la permanenza al potere del premier abbia i giorni contati” a causa dei suoi conflitti con i media, la Chiesa, gli alleati interni. Anche il Guardian, come il Times, osserva che il fatto che varie delle donne incontrate da Berlusconi siano straniere potrebbe avere “compromesso la sicurezza nazionale, come afferma l’opposizione”. E il Daily Mail titola su “Silvio e la sua galleria di ragazze da party”, pubblicando una serie di foto delle donne coinvolte nello scandalo.
Le nuove rivelazioni figurano nei titoli di tutta la stampa europea e internazionale. “Trenta accompagnatrici per allietare le serate del Cavaliere”, titola il Figaro in Francia, dove Le Monde parla di una “strategia della tensione” lanciata da Berlusconi contro i suoi avversari, che però “potrebbe rivelarsi più pericolosa di quanto lui pensi”. In Spagna, il Mundo titola: “Prostituzione e cocaina sono le chiavi del successo, un imprenditore ammette che pagava droga e ragazze per Berlusconi”. La Voz de Galicia scrive che Tarantini ha organizzato “fiesta con 30 chicas” per Berlusconi. El Pais titola: “Un amico di Berlusconi gli organizzò 18 feste con prostitute”, ricordando, in un altro servizio, che proprio in questo momento di crisi personale e di scandali il premier italiano si appresta a incontrarsi in Sardegna con il premier spagnolo Zapatero, con il quale “ha ben poco in comune, ideologicamente e personalmente”, ma l’incontro era stabilito da tempo.
In Irlanda, un altro paese fortemente cattolico che segue con grande attenzione l’evolversi della Berlusconi story, l’Irish Times la definisce “una soap opera” in cui si aggiungono sempre nuovi colpi di scena e l’Irish Independent titola sulle “esplosive rivelazioni” riguardo a “trenta call girls” che “andavano ai party di Berlusconi”.
E continuano a fare il giro del mondo, la vicenda arriva fino in Australia, dove Mx scrive sulla “string of hookers”, la collana di prostitute, del premier; e in Argentina, dove il Clarin titola senza mezzi termini: 30 prostitute a 18 feste per “el capo”.

[fonte: Repubblica.it – Enrico Franceschini]