Su "Elegia provinciale" di Giancarlo Micheli

Consegnando al settimanale «Tempo» l’ultima recensione letteraria su Todo modo di Leonardo Sciascia, contributo finale di un’estesissima serie di scritti critici iniziata nel 1972 e conclusa nel 1975, e che finalmente costituirà il postumo Descrizioni di descrizioni, pubblicato quattro anni più tardi nel 1979, Pier Paolo Pasolini fornisce un chiarimento (sul titolo del volume che raccoglierà le recensioni) introducendo a una materia, il campo della critica letteraria e la definizione della sua identità:

“Ho fatto delle «descrizioni». Ecco tutto quello che so della mia critica in quanto critica. E «descrizioni» di che cosa? Di altre «descrizioni», che altro i libri non sono. L’antropologia l’insegna: c’è il drómenon, il fatto, la cosa occorsa, e il legómenon, la sua descrizione parlata.”

Tra drómenon, cosa o fatto in sé, e legómenon, descrizione in parole della cosa o del fatto, Pasolini ripropone un cardine dell’idea critica, la distinzione tra il “cosa” e il “come” della narrazione, in altre parole distingue la sostanza dalla forma, il contenuto dallo stile. Non il “cosa” del racconto, al contrario il “come” del linguaggio proprio al récit istituisce l’ideale luogo dell’analisi pasoliniana. Con due categorie di Seymour Chatman, si potrebbe proporre la seguente descrizione: non il “cosa” o la storia ma il “come” o il discorso. Chi abbia letto Indie occidentali, secondo romanzo di Giancarlo Micheli (Campanotto, 2008), e più ancora La grazia sufficiente (Campanotto, 2010), terza prova narrativa dopo l’esordio di Elegia provinciale (Baroni, 2007, ora Fratini 2013), potrebbe essere indotto in errore se pensasse che la koinè del narratore nell’Elegia, emanazione lavica in paroleria stupendamente culta, ancorché esito di una conquista di lungo corso, è una congenita presenza, uno stato di cose coevo all’esordio letterario. In realtà, essa figura l’espressione di uno stile–Micheli che viene da più lontano, addirittura forse dalle prove narrative antecedenti l’Elegia, a segnalare l’abnormità già cristallizzata di un’occorrenza stilcritica, quella della lingua alta che si fa stile e, a riflesso, dello stile alto in Micheli connotato esemplarmente nel Kunstwollen della stupefacente capacità d’esecuzione linguistica.

Il superlinguismo di Elegia Provinciale

Di ritorno a casa dopo un turno lavorativo nell’abitazione di Giacomo Puccini, Doria è frastornata dall’incontro con Elvira (moglie di secondo letto del maestro) e Fosca (figlia di Elvira e figliastra di Giacomo), a proposito di una casuale e grave scoperta, il tradimento di Fosca ai danni del marito, Totò Leonardi, tradimento consumato con il poeta e collaboratore del maestro, Guelfo (a Torre del Lago, teatro delle vicende romanzesche, per la stesura della pucciniana Fanciulla del West). Non ecfrastica o esornativa, anzi da annoverare quale operazione del discorso libero indiretto o dell’ oratio obliqua, la voce del narratore si rivela occorrenza finanche plastica nella sua indubbia capacità di far rivivere il personaggio:

“La Doria intanto era andata a buttarsi sul letto, prona, il volto annegato nelle piume del cuscino di cui le sue lacrime bagnavano la coltre di canapa. Nella sua testa vorticavano pensieri mozzi, intenti senza risoluzioni; ipnagogiche larve e minacciose figure la offendevano, affioranti dal buio pozzo di un rassegnato sentimento di impotenza. Si rivoltava sopra alle lenzuola, a scatti ossuti, sfibrati e secchi, sarmenti di moti bruciati nel concavo forno delle viscere. Ebbe ancora un pensiero tenero dove si dipingevano ingenue fantasie, nelle quali Giacomo appariva quale numinoso salvatore, indomito cavaliere ebbro di giustizia, in parusìa di elette ed alte dignità, e la prendeva tra le braccia, e la portava via con sé. Poi venne il sonno.”

Ciò che si potrebbe definire il superlinguismo del narratore non è la spia di una forma di verbalismo letterario acuito da intrattenibili pulsioni narcisistiche né appare il develamento di una scrittura egoica irrefrenabile, proprio perché sfrenato si figura il desiderio di dominio sulla lingua attraversata, quasi folgorata da miriadi di clic espressivo–espressionistici. Sarebbe, così fosse, una diagnosi psicolinguistica tutta incentrata nel tentativo di dimostrare che la dittatura del narratore connota, in un febbrile cortocircuito poietico enigmaticamente tutto interno all’autore, la volontà di non emanciparsi da un patologico gigantismo dell’Es linguistico la cui epifania più evidente è per l’appunto uno stilo culto che non può, perché non vuole o perché non sa, rinunciare al rischio più grande, confinare il lettore nel ruolo di comparsa nella dialettica tra destinante e destinatario.
Il momento definito culto della lingua narratoriale richiede, però, altri sondaggi e più acuminate verifiche ermeneutiche. Tra i rilievi, uno riguarda l’altra realtà del presenzialismo narratoriale. Non più la lingua corrente del narratore, la letteraria lingua italiana, ma la decisione di ordire in filigrana una texture che oltre il superlinguismo (lingua del narratore) riveli una forma di plurilinguismo per così dire eurolinguistico (lingue del narratore), se si vuole una babele in cui confluiscono, sempre sotto la libido dominandi del narratore, espressioni, modi di dire, apoftegmi, adagi, versi poetici, questi ultimi tolti da Lautrèamont, Auden, Shakespeare, Rilke, nelle più svariate lingue: l’inglese (1), il francese (2), lo spagnolo (3), il tedesco (4). E non solo. Una ricognizione solamente sommaria apporterebbe allo scrutinio lessicale e frastico anche occorrenze linguistiche ibride, anglo–francesi (e franco–inglesi) (5), ispano–inglesi (6), franco–tedesche (7), anglo–italo–francesi (8), e, perché la storia stessa delle lingue occidentali entri a infoltire il vocabolario di Elegia provinciale, punte lessicali di lingua greca (date qui in traslitterazione) (9) e di lingua latina (10).

Tra stile sublimis e stile piscatorius

Un plurilinguismo, si potrà rilevare in Elegia provinciale, tutto interno al lavoro del narratore, anch’esso esornativo all’apparenza, di marca in realtà espressamente sperimentale. Già con Indie occidentali Micheli esprimeva uno stile sublimis proprio alla voce narrante. Nell’Elegia lo stile alto narratoriale (il plurilinguismo trapiantato nel superlinguismo) innesca altresì una lingua ancora diversa, isolata, la lingua (unilinguistica) dei personaggi. È lo stile piscatorius o basso, pertanto, l’evidenza linguistica di un’elaborazione scrittoria tesa a identificare il personaggio del popolo o del parlante dialettale tramite l’utilizzo del vernacolare (11) di Torre del Lago (con inserti dialettali messinesi nella breve citazione del terremoto del 1908), (12) la località viareggina del lucchese dove si consuma l’elegia di provincia, i fatti e i drammi, le storie e i dolori fioriti intorno alla vita di Giacomo Puccini e al suo harem: Doria, il suo bovarismo e il suo suicidio, proprio come la flaubertiana Madame, Giulia, cugina di Doria, l’amica inglese del maestro, Sybil, e la moglie di lui, Elvira. A Rodolfo, che informa la madre Emilia sull’intercessione del maestro Puccini per un lavoro alla Ansaldo di Genova, nel discorso diretto della koinè vernacolare, la donna risponde:

“Vergine santa, speramo che vada tutto per il meglio, Rodolfo. Qua ’un si sa più come tira’ avanti”.

Pensando anche a Doria, innamorata del maestro Puccini e pietra di scandalo perché scopritrice della liaison tra Fosca e Guelfo, più avanti Emilia si lascia andare a sogni diuturni non differenti in confronto alle speranze sofferte per l’altro figlio, Rodolfo:

“Speramo che Rodolfo abbi il su’ posto. Speramo che la Doria trovi un bravo ragazzo, co’ ’na posizione, uno che la facci sta’ bene”.

Due frammenti d’inizio romanzo a titolo di esempio (la texture vernacolare riguarda alcuni personaggi che però parlano sempre in dialetto), per una partitura dialettale che investe, secondo una modalità trasversale, classi sociali basse (i Manfredi di Emilia, la madre, i figli, Doria, Salvatore e Rodolfo, la famiglia di Emilio, cognato di Emilia, Maria, la moglie, e i figli: Vittorio e Giulia) e classi sociali alte (i Puccini/Gemignani: Elvira, moglie del maestro, Fosca, la figliastra di Giacomo), con l’eccezione si è detto della lingua di Puccini o di quella magnifica calcografia del Don Abbondio manzoniano, don Giuseppe, la cui lingua è l’italiano standard. Non esclusi dall’uso dialettale sono anche i personaggi comprimarî (anche nell’uso non dialettale, ad esempio l’amico di famiglia Mario Crespi, il medico di Torre, il dottor Giacchi) come Antonio Bettolacci, ad esempio, figura di intrigante faccendiere del luogo, e altri del bulicame antropologico di Torre del Lago.

Paroleria di un pasticheur

Se il narratore parla quindi una lingua alta, i personaggi popolari (e non) parlano una lingua bassa, la koinè del luogo. E se il narratore sale al sublimis, il personaggio del popolo (e quasi per contaminazione di classe, anche Elvira, Fosca…) tramite il discorso diretto impasta una materia linguistica in cui il piscatorius rivela ancora di più la presenza di un narratore vigile, vigile al punto da rivivere – perché possiede una consapevolezza socio–linguistica del personaggio romanzesco –, attraverso la lingua autoctona, la lingua originaria del parlante del luogo. Rivive cioè la matrice dialettale fondando la sua prerogativa essenziale, controbilanciare l’italiano colto del narratore per un universo linguistico ibrido e una partitura lessicografica da romanzo totale: l’Elegia come modello di pastiche.
Non bisognerà immaginare però che l’oscillazione ossessiva tra la lingua alta del narratore e la lingua bassa del personaggio definisca il campo di una meccanicità stilistica, l’applicazione di una tecnica che alterna l’oggettività narratoriale della terza persona all’incursione socio–antropologica nel mondo del parlante vernacolare, con il relativo esito linguistico dialettale. Al contrario, l’intero universo stilistico dell’Elegia non è che volontà spregiudicata di lavoro sul prisma–parola, più ancora è insopprimibile desiderio di ricerca, lavoro di trovatore contemporaneo verrebbe da dire, o di spontaneo ma insopprimibile desiderio (e autentica vocazione in Micheli) di allargamento del vocabolario rivelantesi, alla prova del lavoro, più che infinito, dalla sostanza infinibile.
Ogni articolazione linguistica, per l’autore si fa quindi stile assoluto nel momento in cui il territorio lessicale è percorso per progressivo allargamento di confine. Micheli procede quindi per continui sconfinamenti, per successive ricollocazioni di sé dinanzi alla parola, parola che sola è il suo vero mito resistente (ed elettivo), poiché il suo momento poietico è un atto di creazione vissuto come una sorta di nevrotizzato desiderio, la volontà di abbattere l’ideale limite oltre il quale continuare a scrivere significa di necessità veder scomparire le parole già scritte allo stesso vertiginoso ritmo con cui germinano, o dovranno venire alla pagina, nella formidabile inventio, nella meravigliosa variatio dello scrittore viareggino, nuove parole da scrivere, nuove parole per continuare a scrivere.

  • Informazioni sul libro

– Libro Formato  brossura Pagine  298 Misure  14×21 cm Prezzo: 18.00 € ISBN  978-88-6794-0028 ISBN-A  10.978.886794/0028

– eBook Formato  epub2 Protezione social DRM Dimensione  332 KB Prezzo: 7.00 € ISBN  978-88-6794-0097 ISBN-A  10.978.886794/0097

– Fratini Editore Sito internet Fratini Editore

  • Informazioni sull’autore

Giancarlo Micheli è nato a Viareggio il 3 febbraio 1967.  Si dedica alla scrittura, in versi e in prosa, da oltre vent’anni. Ha pubblicato tre romanzi: Elegia provinciale (Baroni, Viareggio 2007; Fratini, Firenze 2013), Indie occidentali (Campanotto, Udine 2008; premio internazionale “Nuove Lettere”, XXII edizione), La grazia sufficiente (Campanotto, 2010). Ha pubblicato, inoltre, le raccolte di versi Canto senza preghiera (Baroni, 2004), Nell’ombra della terra (Gabrieli, Roma 2008) e La quarta glaciazione (Campanotto, 2012; finalista del premio nazionale Alpi Apuane, XXXI edizione). Suoi versi figurano nelle antologie L’ora d’aria dei cani (Baroni, 2003), Altramarea – poesia come cosa viva (Campanotto, 2006), Atti di Altramarea e Argonauti nel Golfo degli Dei (Arcipelago, Milano 2010), L’evoluzione delle forme poetiche (Kairós, Napoli 2013) ed altre, nonché sulle riviste letterarie Poesia, Pagine, NLE, The Waters of Hermes, Isla negra, Il Convivio, Levure littéraire, La Urraka. Suoi articoli e saggi sono comparsi sulle riviste Zeta, La Mosca di Milano, Il Convivio, Erba d’Arno e nei volumi Percy B. Shelley – il cuore e l’ombra viva (Pezzini, Viareggio 2007), Il Mito nel Novecento letterario (Limina Mentis, Monza 2012) e Memoires (Limina Mentis, 2014).

Note al testo

1)    Così la lingua inglese: «middle–class», «seventy’s», «fading», «frame by frame», «golden west», «copyright», «stalked», «peacekeeping motion», «exciting fear», «sudden vision», «wrapped up», «sleepy», «waked up feverish», «local patois of some three hundred words», «shores», «whispering voice», «girl», «miners and thieves», «filled», «whith busy laught», «goes fading», «drowned in the deep layers», «wise appeasement», «hidden nought», «stillness waiting for a waste by armed crowds», «trust», «towards the exit», «businnes», «streets», «lift», «faraway raped», «on a regale leisure», «impassioned», «whispered»,  «local behaviour», «by selfconsciousness drawn», «reception», «trench», «more then businesslike», «on the stormy blowing gust», «in their pecking order», «with three hundred words outspoken», «wireless connected», «worried and troubled shoes», «braving the priest», «vanishing point», «trench», «worried stillness», «standing», «stillness», «vanishing among the trees», «understatement and walking out with seeming leisure», «golden west», «revolver», «paddock», «and to start from the scratch line», «but from themselves impassioned», «following the men».

2)    Così la lingua francese: «là–bas», «décor», «dans le labyrinthe boueux de la matière», «frissonnantes», «milieu», «déraciné», «allure», «bruit», «promenade», «chez le blême», «avec un clin d’œil», «À l’interieur», «liaison», «tour à tour», «entre elles», «rendez–vous», «à cloche», «assiettes et serviettes», «distingué jeune hommes», «su une blasonnée fauteuil», «tout à coup», «qui frisonne», «pendant heures effacées et paresseuses», «voilettes», «le long du coulant rideau de la rue», «foulard», «saisissant», «charme», «nuancés bouillons, les manches à gigots», «ravi en pursuivant», «tapissée», «chez soi», «effort», «réflechir», «entourage», «chalet», «octroyant», «maître à venir», «trance», «attaché», «fiacre», «foyer», «élite», «decolletés», «suite», «vis à vis», «tout bas», «characters», «à l’heure exquise», «entre loups et chiens», «en patinant merveilleusement, s’élançant qu’impetueusement, r’arrivant si joliement vraiment», «trasaillants», «à quattre pattes», «en plain air», «du coté de la mer», «à raglan», «rêveries», «très blasé et réflexif», «le dernier cri…», «ralentissante tandis qu’il approchait sa cible», «flottant», «vêtue d’une robe charmante», «jouer avec les enfants qui si cachaient derrière les fauteuils et qui souriaient charmants parmi les livres; et sa femme était la muse de ses rêves domestiques», «paletot», «tout en rêvant», «jaillissants», «à cloche», «ballon», «clin d’œil», «brilliants de vitesse», «une goyesque gravure eternée de désespoir», «dans un coinstot anonyme de la chambre», «affreux et rôdeurs», «gaffe», «en redoutable hasard», «dans la morne queue», «frémissante la voix, pareille aux arbres qui frissonnent dans les bosquets d’enfance».

3)     Così la lingua spagnola: «para abuscar la voluntad divina».

4)     Così la lingua tedesca: «unheimlichen», «Erfahrungen», «im tiefen Walden», «in stiller Fabrik ölend».

5)    Così il modello anglo–francese o franco–inglese: «stood in leisure, très blasé», «dreams and rêves», «rafales and raining winds», «like gentleman et dame», «détournante and painful», «distingué gentleman».

6)    Così il modello ispano–inglese: «rebanho de hierro, hideous snake of iron and misty breath».

7)     Così il modello franco–tedesco: «liaisons dangereuses und Wahlverwandtschaften».

8)    Così il modello anglo–italo–francese: «club della Bohème».

9)    Così la lingua greca: «kairòs», «alètheia», «tèmenos», «ỳbris», «kalòs», «kakòs».

10)     Così  lingua latina: «ad altiora», «intra moenia», «jubilate!», «gentes», «pater familias», «fabula», «negotia», «natu maior et vir optimus inter fratres», «Ad majorem dei gloriam», «alebant», «foedus», «Pascendi dominici gregis incipiebat», «climax», «voces populi», «socius», «genius loci», «a cornu evangelii», «socius loci», «numen», «ex abrupto», «quidditas», «incipit».

11) A rigore, il personaggio di Giacomo Puccini e il personaggio di Don Giuseppe, il parroco di Torre del Lago, utilizzano la lingua italiana, anche nel caso di un interlocutore dialettofono. Ma qui si resta nella “storia” di Torre del Lago. Guardando alla “Storia”, ad esempio all’inserto di diplomazia internazionale riguardante l’incontro tra Giovanni Giolitti, presidente del consiglio del Regno d’Italia, e Alois Aerenthal, il ministro degli esteri di Francesco Giuseppe, il ministro austriaco, con l’ausilio di un interprete, potrà parlare al politico italiano utilizzando la lingua tedesca o, per altri versi, nel viaggio parigino di Puccini (per la prima della Tosca all’Opéra) la memoria di un paio di frammenti in lingua francese pronunciato da un «contadino lorenese», compagno di viaggio del maestro.

12)  Così: «U picciriddu havvi fattu i soi bisonni ne li mutanni. Addumanna a l’infermeri si potimmi jiri a u ciumi ppi si lavari».

L'autore dell'articolo

Neil Novello (Oslo, 1969) vive a Bologna. Si occupa di poesia, narrativa e saggistica europea. Nel 2013 pubblica il cineromanzo Nostàlghia. In poesia scrive Falò de’ rosarî (2011) e Rosa meridiana (2004). È autore di un film, Mutterland (2006). In ambito saggistico, scrive Jean Genet. Epopea di bassavita (2012). Nel 2014 cura Tràgos. Pensiero e poesia nel tragico, nel 2008 cura Apocalisse. Modernità e fine del mondo. Nel 2007 pubblica Pier Paolo Pasolini e Il sangue del re. L’opera di Pasolini, cura un commento al Principe di Machiavelli. Nel 2007 cura anche Da Caino a Hitler. Il diavolo e Finisterrae. Scritture dal confine. Nel 2005 cura Età dell’inumano. Saggi sulla condizione umana contemporanea, nel 2004 L’aurora immortale. Le arti e il cinema e La sfida della letteratura. Scrittori e poteri nell’Italia del Novecento. Nel 2002, Eversori e martiri. Attraverso Artaud, Conrad, Genet, Nizan.