Anche Palermo si candiderà ad ospitare i giochi della XXXII Olimpiade, che avranno luogo nel 2020. La candidatura è stata presentata giovedì 15 ottobre alle 15.30 dal presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e dall’assessore al turismo e allo sport Nino Strano nella sede dell’Associazione Stampa estera, in via dell’umiltà a Roma.

Il capoluogo della Sicilia è la terza città italiana ad offrirsi per ospitare le Olimpiadi 2020 dopo Roma e Venezia. È probabile che il CIO stabilirà il termine per la presentazione delle candidature per la fine del 2010, quindi il CONI ha circa un anno per decidere su quale città puntare. Afferma Mario Pescante, vicepresidente del CIO: «Tre città non sono troppe, ma quando si sceglierà la candidata bisognerà sostenerla in maniera compatta. Serve il consenso dell’opinione pubblica, serve il sostegno concreto del governo. Nel nostro Paese sono in permanente servizio i comitati del no. A Copenhagen, dove la scorsa settimana sono state assegnate le Olimpiadi 2016, le quattro città candidate non dovevano fare i conti con comitati del no. In Italia non so se saremo in grado di farlo: la fiaccola dei Giochi invernali di Torino 2006 ha dovuto fare i conti con il comitato contro la Tav, con quello contro il ponte…».

La vittoria di una città europea è favorita da quella di Rio de Janeiro alle Olimpiadi 2016. Se infatti avesse vinto Madrid, sarebbe stato assai improbabile che per i successivi Giochi olimpici fosse scelta nuovamente una città europea.

Fonte: wikinotizie