Basta, non se ne può più di questi uomini politici italiani super pagati per portare a casa risultati così miserevoli. Noi italiani, grandi appassionati di calcio (e di donne direbbe qualcuno), dovremmo prendere esempio dai presidenti di club, che cacciano gli allenatori quando i risultati non sono quelli sperati. Allo stesso modo noi dovremmo cacciare i nostri politici e affidare la conduzione del Paese a un altro allenatore. Naturalmente essendo noi i proprietari del club possiamo chiamare a guidarlo chiunque si voglia. I partiti politici non dovrebbero entrarci nella scelta. Anzi, non dovrebbero proprio esistere.

Ci vorrebbe un sistema elettorale che sia completamente immune dalla nefasta influenza dei partiti e della politica. Sulla scheda elettorale non ci dovrebbero essere né simboli, né nomi, ma solo uno spazio in cui scrivere ciò che si vuole. I cittadini dovrebbero semplicemente scrivere un nome a loro piacere. Il prescelto potrebbe essere il fratello, il nonno, una persona che si stima, un proprio professore, il pizzicagnolo all’angolo, insomma chiunque si voglia e di cui si abbia fiducia. Alla fine si stila una classifica e il vincitore viene contattato dal Presidente della Repubblica per assumere l’incarico. Se accetta porta con se i suoi ministri (come gli allenatori portano il massaggiatore, il medico, il preparatore ecc.…) e inizia a governare. Se non dovesse accettare, allora il Presidente contatterà il secondo della graduatoria e così via.

Un mini parlamento composto da100, oppure 50, cittadini, estratti a sorte ogni due anni, voterà le proposte di legge fatte dal governo. Dopo 2 anni si rivota. L’allenatore potrà essere riconfermato oppure sarà cambiato, in funzione dei risultati raggiunti. Il Presidente della Repubblica sarà scelto allo stesso modo e rimarrà in carica 5 anni.

Io se dovessi votare con questo metodo, sceglierei come Presidente del Consiglio Tony Blair e come Presidente della Repubblica mia moglie. Blair perché dopo aver governato per 12 anni il Regno unito è stato preso senza biglietto e senza soldi sul treno Heathrow-Express e il controllore voleva anche fargli la multa. E mia moglie perché magari, come si dice, a Roma “svorto”, mi sistemo pure io e buona notte. In fin dei conti sono sempre un italiano.
E voi chi votereste?