La Galleria P420 di Bologna presenta, fino al 23 Aprile 2011 nella mostra Narrative works, lavori storici dell’americano Bill Beckley, dell’inglese Peter Hutchinson e dell’italiano Franco Vaccari. Dopo le mostre Dadamaino – Manzoni: storia di un grado zero, quella sul Gruppo T e la più recente retrospettiva su Antonio Scaccabarozzi la galleria P420 di Bologna prosegue la propria indagine riscoprendo il lavoro dei tre artisti che, nella prima metà degli anni ’70, sono protagonisti di quell’avanguardia artistica che prenderà presto il nome di Narrative Art e in cui il medium fotografico, spesso affiancato dall’uso di testi, diventa il protagonista di una narrazione. L’obiettivo della mostra è quello di rappresentare il preciso momento storico in cui la fotografia assume nuovi ruoli nell’utilizzo artistico.

E’ inizialmente utilizzata da questi artisti fin dalle prime esperienze di Arte Concettuale come mezzo per descrivere un’avvenimento, come medium per rappresentare l’azione o l’happening che l’artista ancora inquadra come vero soggetto dell’opera. Successivamente la fotografia, talvolta accompagnata dall’uso di testi, è in grado di narrare una storia, spesso di quotidiana normalità, indipendentemente dal fatto che essa sia realmente accaduta o che essa possa avere un contenuto se non evocativo, con evidente rinuncia alla ricerca di paradossi logici o non-sense linguistici.

Come spiega Angela Madesani nel catalogo della mostra, “Si tratta di opere in cui immagini e parti scritte hanno lo stesso peso nell’economia dell’opera. Ognuno dei due linguaggi riesce a mantenere la sua autonomia rispetto all’altro. Ci troviamo di fronte a narrazioni-non-narrazioni in cui si coglie la specularità dei linguaggi all’interno dell’opera. La fotografia è solo traccia del reale, non ha nulla di virtuoso.”

La mostra, che non intende presentare un gruppo o un movimento, si sviluppa tra le opere di artisti che dal primo momento hanno interpretato questo cambiamento. Ecco allora le opere song for a Chin-up (1971-72) di Bill Beckley, Composition with composites (1970) di Peter Hutchinson ed Esposizione in tempo reale n.1 – Maschere (1969) di Franco Vaccari che narrano e documentano un precisa azione voluta dall’artista, mentre – per citarne alcune – De Kooning’s stove (1974) di Bill Beckley, Alphabet Series (1974) di Peter Hutchinson e Viaggio sul Reno (1974) di Franco Vaccari assumono la forma di pure narrazioni.

Il catalogo, curato da Alessandro Pasotti e Fabrizio Padovani, con testo critico introduttivo di Angela Madesani e testi inediti di Bill Beckley, Peter Hutchinson e Franco Vaccari, è disponibile in galleria.

  • Informazioni


NARRATIVE WORKS: Bill Beckley, Peter Hutchinson, Franco Vaccari

Piazza dei Martiri, 5/2 – Bologna

Orari di apertura

dal 28 gennaio 2011 al 23 Aprile 2011

da mercoledì a sabato ore 15-19,30, gli altri giorni e orari su appuntamento

Per informazioni

Tel. +39 (0)51.4847957; +39 320.5635213; +39 329.2222792

Web: www.p420.it –  E-mail: info@p420.it

http://www.chelseaspace.org/images/pingpong/pingpong_05.jpg