Ebbene sì, come è successo a molti giovani italiani, anche Medeaonline è stata costretta ad emigrare all’estero. Per la precisione in Svizzera dove – ci auguriamo – verrà trattata meglio che in Italia. Perché questa “fuga” dal Bel Paese? Per due motivi, il primo di ordine tecnico: nell’ultimo anno i lettori sono aumentati parecchio e in diversi casi questo carico imprevisto di lavoro ha mandato in tilt il sito rendendolo irraggiungibile (qualcuno dei nostri lettori più affezionati se ne sarà sicuramente accorto…). Nonostante gli interventi, sempre tempestivi, del servizio tecnico del nostro precedente fornitore di servizi Internet, per vari e complessi motivi (che, a dire la verità, non sono mai stati veramente chiariti e ancora ci sfuggono) non è mai stato possibile risolvere definitivamente il problema. Il secondo motivo è strettamente economico: non abbiamo trovato in Italia nessuna alternativa che fornisse allo stesso prezzo i servizi offerti in Svizzera. Avremo cercato male? Può darsi, ma è andata così. Per ora ci “accontentiamo” dell’ottimo servizio tecnico di Mouse Imaging che ci ha seguito e guidato durante tutta l’intricata procedura di trasferimento del sito (un particolare ringraziamento va fatto al Sig. Paolo, l’uomo più paziente e disponibile della Confederazione Elvetica). In futuro noi ci auguriamo di poter migliorare ulteriormente questo sito rendendolo ancora più interessante (ed efficiente). Nel frattempo ci piace pensare di aver guadagnato con questo “esilio” in terra neutrale un punto di vista particolare sull’Italia e sull’Europa: Medeaonline vuole caratterizzarsi sempre di più come un magazine di informazione europeo in lingua italiana. In cantiere, nel frattempo, abbiamo messo diversi progetti che pensiamo possano interessarvi. State collegati, il bello deve ancora venire. Buona lettura

La Redazione di Medeaonline