Lo scrittore Carlo Sgorlon ci ha lasciato il giorno di Natale ad Udine, nel suo Friuli. Aveva 79 anni.

Originario di Cassacco, un piccolo centro a pochi chilometri da Udine, secondogenito di Antonio (sarto) e Livia (maestra elementare), Carlo Sgorlon ha trascorso il periodo della sua giovinezza prevalentemente in campagna, assimilando la cultura del Friuli rurale che tanta parte rappresenterà nella sua produzione letteraria. Dopo un inizio di studi incostante, compiuti i diciotto anni viene ammesso alla Scuola Normale Superiore di Pisa presso la quale si laurea in Lettere con una tesi su Franz Kafka, specializzandosi a Monaco di Baviera. Subito dopo ha inizio la sua attività di insegnante di Lettere alla scuola secondaria e parallelamente di scrittore. Sposato con Edda Agarinis, Sgorlon viveva ad Udine.

La figura di Sgorlon è diversa da quella di qualsiasi autore italiano: era un narratore vero di storie reali in un mondo fantastico, un narratore di vicende fantastiche in una struttura reale. Il tutto condito da elementi storici e magici che convivono come diversi livelli di una stessa provincia. Poeta dell’equilibrio, dell’intreccio con la storia e con l’ambiente in cui si innesta il ciclo delle sue esperienze, su tutta la sua attività hanno lasciato un segno profondo gli studi irregolari e gli stimoli del nonno, maestro elementare in pensione, a porsi traguardi più ambiziosi, così come le storie, i racconti tradizionali, le fiabe narrate dalla gente del suo piccolo paese contadino. I temi di fantasia e saggezza popolare si mescolano all’eredità di autori come Dante, Ariosto e Petrarca che macerano in quello che lo stesso autore definisce come una fase culturale europea nel periodo di istruzione superiore.

Il primo romanzo è Il vento nel vigneto (1960), che verrà riscritto in lingua friulana con il titolo Prime di sere (1971); il tema esistenziale è ispirato al mondo contadino e si racconta il faticoso reinserimento di un ergastolano graziato nel paese natio.

Con i successivi romanzi lo scrittore muta il suo registro narrativo: La poltrona (1965), La notte del regno mannaro (1967) e La luna color ametista (1970) si impongono all’attenzione della critica per i ritmi nevrotici ed affannosi dei personaggi che stentano a realizzarsi nella vita, cedendo via via a storie sempre più corali. Ne La poltrona si narra di un mondo chiuso, sterile caratterizzato da un continuo disadattamento; ne La notte del ragno mannaro (1970) si apre il paesaggio, in cui si percepisce l’inquietudine di Walter nella spasmodica ricerca del padre e della donna amata in un sogno ossessivo e reale ambientato in una Udine magica che rivela i segreti di antiche storie. Ne La luna color ametista Rabal rivitalizza un paesino misterioso e teso tra sogno e grigiore ma solo per il periodo della sua visita; questo è il romanzo riconosciuto come spartiacque della narrativa di Sgorlon, lo scritto che lascia il cupo solipsismo della precedente produzione per raggiungere un patos fantastico-corale nella sua opera successiva.

Da questo cambiamento nasce il fortunato Il trono di legno, romanzo di successo (Premio Campiello 1973), storia di un narratore di vicende fantastiche che non sa ancora di essere l’erede di una cultura solo assopita e non cancellata. Nel 1975 vede la luce La Regina di Saba, ritratto di una misteriosa figura di donna a tutto tondo che si confronta con i cambiamenti del tempo, capace di salvarsi e di salvare grazie alla forza dell’amore eterno. Gli dei torneranno (1977), narrazione epicizzata della civiltà contadina del Friuli che si scontra con le nuove idee per scoprire, infine, che la storia gira in cerchio e gli dei torneranno solo se gli uomini sapranno salvare la loro cultura dall’attacco della civiltà massificata attraverso il dono singolare del ben parlare. La carrozza di rame (1979), la saga di una famiglia di piccoli proprietari terrieri inserita nel periodo del terremoto del ’76, evento foriero di nuovi assetti nella famiglia De Odorico, la trilogia iniziata con Il trono di legno.

Gli anni 80
La sua vita trascorre quieta, tra l’insegnamento di Italiano e Storia negli Istituti tecnici e la scrittura, tra la città e la casa di campagna dove lo scrittore, assai fiero delle proprie svariate abilità, sveste i panni dell’artista e dello studioso e indossa quelli dell’agricoltore e dell’artigiano. Scrive in questo periodo La contrada (1981) in cui si racconta la vita di periferia di un gruppo di amici ed in cui si sviluppa il tema della delusione dell’uomo moderno. Segue La conchiglia di Anataj (Premio Campiello, 1983) in cui si esprime il concetto del recupero delle origini e del legame con le proprie radici solo nel momento dell’allontanamento dalla realtà: Valeriano, infatti, rimane in Siberia a ricordare la sua terra, il Friuli. Quest’opera è da molti critici ritenuto il capolavoro dello scrittore.

L’armata dei fiumi perduti (1983), vincitore del Premio Strega nel 1985) ispirato alle vicende poco note della duplice tragedia del popolo cosacco, i Kazak, a cui: «l’impassibile spietatezza della Storia aveva sottratto per sempre la possibilità di avere una patria» e del popolo friulano, la cui terra venne regalata ai primi come bottino di guerra dall’invasore tedesco. Il libro avrà ben 25 ristampe. Il quarto re mago (1986), insieme di racconti da cui si evincono le principali tesi della poetica Sgorloniana (come nel caso dell’eterno peregrinare di Joska la rossa o del disfacimento del tempo alla ricerca di qualcosa che si possiede già. Segue I sette veli (1986), versione friulana Il Dolfin, L’ultima valle (1987) in cui si mescola sapientemente l’elemento favolistico a quello della vita di tutti i giorni, evidenziando le interconnessioni magiche da cui si origina tutta la poetica dell’autore. Il calderas (Premio Napoli, 1988) in cui la vita del piccolo zingaro è nuova metafora della ricerca di radici perdute, questa volta per colpa della guerra.

Gli anni 90
La fontana di Lorena
(Premio Basilicata,1990) in cui si racconta la storia della famiglia Gortan che vive attorno alla figura magica di Eva, amica di un grande pittore, che con la sua magia creerà l’illusione utile a salvare se stessa e gli altri oltre la magica fonte del bosco. La tribù (1990) è la storia della famiglia di Giovanni, brigadiere di Foràns, Martina ed i loro quattro figli. Il rispetto della legge morale è l’unica strada per dare ordine alle passioni umane; ma l’illusione del benessere sfocia ai confini del lecito e dell’illecito. I valori crollano miseramente e, pur di raggiungere gli illusori paradisi, Diego, uno dei quattro figli, sconterà il suo delitto di sangue nel sangue, come tragico sacrificio agli dei crudeli di città. L’apice del dolore, tuttavia, riannoderà i vincoli morali ridando senso al destino dei suoi componenti. Vi sono, poi, La foiba grande (1992) che custodisce i segreti di coloro che vengono presi per essere portati chissà dove durante il periodo della guerra, cui segue Il regno dell’uomo (1994). Al filone che rievoca vicende non approfondite della storia italiana appartiene anche La malga di Sîr (1997) incentrato sull’eccidio di Porzûs reso famoso perché nel 1945 i partigiani comunisti uccisero un gruppo di partigiani appartenenti alla brigata Osoppo (tra i caduti anche il fratello di Pier Paolo Pasolini, Guido Alberto). Nel 1998, Sgorlon scrive Il processo di Tolosa (1998), storia surreale della vita di un ragazzo legato al mistero di Lazzaro in Francia, seguito da Il filo di seta (1999) in cui si racconta la vicenda incredibile degli itinerari di Odorico da Pordenone, viaggiatore paragonabile solo a Marco Polo, che ha affascinato per il suo modo di confrontarsi con la diversità e del quale Sgorlon ha scritto, in versione romanzata, in una rivisitazione della sua vita.

Gli ultimi romanzi
Ne La tredicesima notte (2001) il favoloso mondo di Monterosso si snoda la vicenda di Veronica, nuova figura di donna in connessione con il mondo misterioso che abbiamo dimenticato, la quale torna ogni tre generazioni per rendere possibile un destino d’amore in un paese dove persino un famoso frate di Pietrelcina – Padre Pio – compare.
È del 2003, l’uomo di Praga, in cui il cinema arriva a Naularo per far rivivere i sogni di tutti e le alterne vicende del protagonista Alvar, stupiscono e trasportano in un mondo fatato. Le sorelle boreali, edito nel 2004, illustra la creazione di un mondo felice da parte di cinque sorelle che ritrovano una nuova vita nella villa della bisnonna. Ognuna delle protagoniste per difendere questa esistenza dovrà passare in un buio catartico modificando poco a poco il proprio destino.
L’ultimo romanzo, Il velo di Maya, è del 2006 e intreccia elementi filosofici, musicali ed erotici in un viaggio teso come su una lama di rasoio del personaggio Jacopo D’Artega.

L’ultima fatica letteraria del grande scrittore viene pubblicata a dicembre del 2008 dalla Morganti editori, con il titolo La penna d’oro. Si tratta di un’autobiografia. Carlo Sgorlon ha deciso di farsi portavoce in prima persona della sua vita e della sua poetica. Nel raccontarsi con sincerità ma con un pizzico di costruttiva polemica e disincanto, lo scrittore affronta i ricordi della propria vita personale e professionale come se osservasse un altro se stesso dal balcone della sua casa friulana. Il risultato di questo proiettarsi al di fuori lo trasforma nel protagonista di un’avvincente storia privata. Ma di che si tratta? Ancora una volta è la storia di un uomo estraneo ai luoghi e alle mode, che si affranca dal mondo, pur senza mai perderlo di vista, per cercare la propria patria. Il narratore si racconta con la medesima propensione fabulatoria che da sempre lo caratterizza, proponendo al lettore un romanzo esistenziale, quello di un uomo che si sofferma sulla propria vita facendone il bilancio e ribadendo la radicata convinzione che l’uomo possa percorrere la propria vita su due piani di esistenza paralleli: quello della realtà e quello del fantastico. La penna d’oro, non è una semplice autobiografia dello scrittore, è anche un attestato d’amore nei riguardi della sua terra d’origine, delle sue genti e tradizioni. Anche la penna d’oro, dono ricevuto nell’infanzia, diventa un mitico oggetto sparito chissà dove, che da sempre influenza il destino dell’uomo e dello scrittore.

Fonte: wikipedia