Con le sue mostre e installazioni a Milano, Roma, Genova, ma anche Shanghai, Beijing, Shenzhen, Seoul, Mosca e nell’Isola di Pasqua, Filippo Centenari è sicuramente uno dei giovani artisti italiani che maggiormente ha sviluppato l’idea di arte come globalità, nomadismo e multilinguismo. La sua ricerca utilizza pittura, fotografia e le tecniche multimediali – elettronica, video, sonorità e installazioni – in cui meccanica ed elettronica coesistono e si intrecciano creando interazioni e rovesciando le regole tecniciste dei singoli media scelti. Anche nel caso di “Anime Vittime”, installazione ideata e realizzata da Filippo Centenari appositamente per la Sala Santa Rita di Roma che si chiude oggi 6 dicembre, l’artista ha identificato il linguaggio elettrico con un tema fortemente sociale e politico.

L’installazione, rielaborazione di un progetto realizzato nel 2008 per il Padiglione Italia alla Prima Biennale Internazionale di Arte Giovane di Mosca, nella versione romana si avvale di una struttura formata da sacchi, contenenti materiale di risulta reperito e assemblato dai detenuti partecipanti al Progetto RAS (Recupero Ambientale e Sociale) di Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali. Con il Progetto RAS, realizzato in collaborazione con Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Roma Capitale intende valorizzare il patrimonio artistico e culturale della città, recuperando e reinserendo i detenuti in attività lavorative e manutentive. Per la realizzazione dell’installazione saranno, infatti, utilizzati sacchi con materiale proveniente dall’area del Teatro di Marcello. In questo modo l’artista, tenendo sempre presente il problema sociale, lo inserisce però in un contesto più propriamente artistico e simbolico, ne amplia il carattere visivo e il contenuto evocativo collegandolo così alla realtà sociale e culturale contemporanea sospesa in una incontrastata forza poetica.

A fare da controcanto all’opera di Centenari ecco l’intervento di Frankie hi-nrg mc, eclettico rapper, autore, musicista, fotografo, con all’attivo numerose incursioni in ambiti dell’espressione distanti tra loro eppure a lui congeniali. Frankie hi-nrg mc interviene in “Anime vittime” con due oggetti-audio, il vocale contrapposto al musicale, due flussi antagonisti che si integrano l’uno con l’altro, l’uno nell’altro, ideali contrafforti della medesima barricata, versanti dello stesso argine, ideale crinale attorno a cui denuncia sociale e spinta artistica agiscono di concerto in una perenne tensione al progresso creativo.

Sacchi + materiale di risulta + neon + specchi + suono: basiche forze materiche nella leggera evanescenza dei neon azzurrastri danno dunque vita all’installazione site specific “Anime Vittime”, a cura di Claudio Crescentini, terzo appuntamento diAutunno Contemporaneo, ciclo di installazioni site specific in programma alla Sala Santa Rita fino a gennaio 2013, promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale Dipartimento Cultura – Ufficio Programmazione e Gestione Spazi Culturali in collaborazione Zètema Progetto Cultura e Exòrma Edizioni.

La ricerca di Filippo Centenari studia e analizza con attenzione i nuovi media digitali ed elettronici, supportati dall’uso del computer come mezzo di distribuzione dei progetti stessi. In questo modo l’artista sviluppa un metalinguaggio in grado di tradire le consuetudini e rovesciare le logiche strutturali di oggetti comuni, portandoli a interagire con lo spettatore. Centenari lavora costantemente con la pittura e il video, alla ricerca di una sintesi mediale che passa dalla Polaroid alla stampa digitale, dal video all’installazione per l’interazione dei mezzi espressivi. Un lavoro che procede frammentando e ricostruendo continuamente immagini e mezzi provenienti dalla storia e dai nuovi spazi digitali, dei minimi frammenti che diventano nuova – ma sarebbe meglio dire – diversa armonia. Ha partecipato a numerosi progetti e mostre internazionali: “Periplo del Mediterraneo”, Genova 2004; “Radiance & Resonance/ Signals of time”, Dashanzi Art District 798 – space, Beijing 2004; “Isola di Pasqua Project”, Isola di Pasqua 2004. Nel 2005 viene insignito del XIX Premio Internazionale per l’arte elettronica “Guglielmo Marconi” , Bologna. Sue opere sono state esposte in importanti rassegne e Gallerie, dalla “Biennale di Arte Sacra di Teramo” presso il Museo della Fondazione Stauros a “Mediterraneo d’Arte, da Giorgio de Chirico all’era della globalizzazione” presso l’Archivio Centrale dello Stato di Roma e il MAON di Rende-Cosenza. Nel 2006 in occasione della “Notte dei Musei” a Cremona, firma insieme al maestro Nino Migliori, l’installazione “Stradivari dalla Tradizione al Sogno”. Nel 2007 partecipa alla manifestazione internazionale en plen air “Cowparade” – Milano, con l’opera “Anima” sponsorizzata da Microsoft. Nel 2008 partecipa alla mostra Italiana in Cina e Korea “Energie Sottili della Materia” (Shanghai, Beijing, Shenzhen, Seoul). Sempre nel 2008 realizza “Resistenza all’immagine” una grande installazione per il padiglione italiano alla prima Biennale Internazionale di Arte Giovane di Mosca – “Qui Vive? Oltre i confini del corpo” – organizzata dal National Centre for Contemporary Arts of Moscow e dal Moscow Museum of Modern Art, al Fabrika Project. La sua opera “San Sebastiano” (2008) è presente nella “Collezione Farnesina: Experimenta” del Ministero Affari Esteri. Nel 2010 espone a Shanghai, in occasione dell’Expo, nella mostra “Contemporary Energy. Italian Attitudes” presso il Museo Supec (Shanghai Urban Planning Center).

  • Frankie hi-nrg mc

Considerato uno dei padri fondatori della scena rap italiana, da molti indicato come il miglior erede dell’esperienza cantautorale degli anni ’70, da sempre coniuga l’espressione artistica con la passione civile. Fin dagli inizi della propria carriera si é distinto per i contenuti espliciti ed al contempo poetici delle proprie canzoni, veri e propri documentari in musica attraverso i quali Frankie guida lo sguardo dell’ascoltatore a scoprire gli aspetti piú inquietanti della nostra societá, svelandone i tic e le contraddizioni.

Nel 1992 debutta con “Fight da faida” che vince il premio della critica del mensile “Musica e dischi”. Nello stesso anno accompagna nei tour italiani artisti del calibro di Run-DMC e Beastie Boys. Nel 1993 esce “Verba manent”, tuttora considerato uno dei migliori album di rap italiano, contenete classici come “Potere alla parola” e “Libri di sangue”. Il 1997 é l’anno de “La morte dei miracoli”, il secondo album contenete “Quelli che benpensano” vincitrice del Premio Italiano della Musica di Repubblica come Canzone Dell’Anno e tuttora presente nelle classifiche di vendita a 15 anni dall’uscita. E proprio per questo brano Frankie hi-nrg mc debutta come videomaker, realizzando insieme a Riccardo Sinigallia il celebre videoclip ambientato in un taxi che gira per le strade di Roma. Per “La descrizione di un attimo” riceve il premio della rivista Duel al MEI – Meeting Etichette Indipendenti come “migliore videoclip pop”. Nel 2002 incontra la musica contemporanea, esibendosi con l’ensemble Alter Ego in “Coming together” del M°Frederic Rzewski e “Brut Beat Brute Bruit” del M° Alvin Curran. Nel 2003 esce “Ero un autarchico”, il suo terzo album. Nel 2004 conduce su MTV la trasmissione “Brand:new” e nell’ottobre dello stesso anno porta “Brut Beat Brute Bruit” al Teatro San Martin di Buenos Aires. Nel 2005 esce “Rap(c)ital”, quarto album, derivato dall’omonimo spettacolo teatrale scritto, diretto ed interpretato dallo stesso Frankie hi-nrg mc. Nel 2008 partecipa al Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano “Rivoluzione” ed esce il suo quinto album “dePrimoMaggio”. Nel 2011 è tra gli interpreti del film “I più grandi di tutti” di Carlo Virzì e debutta con lo spettacolo teatrale “Potere alle parole” insieme a Massimiliano Bruno.

 

  • Informazioni


Sala Santa Rita: via Montanara (adiacenze piazza Campitelli).

Orario di apertura: Mar-Sab ore 11.00-19.00; chiuso domenica e lunedì.