Il complesso museale di Santa Maria della Scala di Siena presenta fino al 14 Novembre 2010, la “La vita di Michelangelo. Carte, poesie, lettere e disegni autografi”, una mostra singolare e raffinata, allestita attraverso le carte autografe di Michelangelo – lettere, poesie, carte di cantiere e altri documenti – che ripercorre tutta la vita del grande artista, ponendo l’accento sulla presenza e l’operato di Michelangelo a Siena.

Queste straordinarie testimonianze autografe provengono dall’Archivio Buonarroti, di proprietà della Fondazione Casa Buonarroti, che raccoglie le carte di famiglia ed è, per quanto riguarda Michelangelo, tanto vario e cronologicamente completo da rendere possibile un vero e proprio ritratto biografico.

La mostra, a cura di Lucilla Bardeschi Ciulich, nota studiosa della grafia michelangiolesca, e di Pina Ragionieri, direttrice della Fondazione Casa Buonarroti, è realizzata su progetto scientifico della Fondazione stessa, e per la sede di Siena si avvale della consulenza scientifica di Gabriele Fattorini. È organizzata dall’Associazione Culturale Metamorfosi e da Vernice Progetti Culturali, con il contributo del Comune di Siena e della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

“Si prende l’avvio dalle prime lettere e dalle poesie della giovinezza per giungere alla corrispondenza estrema dell’artista, ormai quasi novantenne, con il prediletto nipote Leonardo. – spiega Pina Ragionieri – Su questa falsariga si incontrano prove grafiche di alto impegno, come i disegni, scelti qui con l’occhio fisso al risvolto biografico, siano essi di figura, o di progetto architettonico, o provenienti direttamente dai cantieri e dalle cave, come i famosi blocchi di marmo schizzati a beneficio degli scalpellini; o di fortificazione, rimandanti questi ultimi all’esperienza eroica ed effimera della seconda repubblica fiorentina, che trovò in Michelangelo un convinto e partecipe sostenitore. Si accoglie inoltre qualche esempio della fortuna del Maestro nei secoli: si accetta volentieri la gradevole mitologia ottocentesca del bel ritratto di Vittoria Colonna opera di Cesare Maccari, cortesemente prestato per la sede senese dall’Istituzione ospite, ma si tenta anche di fornire adeguata testimonianza visiva di opere perdute o, per motivi diversi, non presenti in mostra”.

Nella sede di Santa Maria della Scala, l’esposizione farà omaggio alla città di Siena di rare testimonianze autografe, anch’esse provenienti dall’Archivio Buonarroti, del giovanile e geniale impegno di Michelangelo per quel grande capolavoro che è l’altare Piccolomini, realizzato da Andrea Bregno e arricchito dal giovane Michelangelo tra il 1501 e il 1504 con l’aggiunta, nelle nicchie inferiori, delle quattro statue di santi Pietro, Paolo, Agostino e Gregorio.

Saranno presenti inoltre uno splendido disegno di Giuliano da Sangallo, contenuto nel famoso Taccuino senese, che documenta l’aspetto dell’altare prima degli interventi michelangioleschi, e tre sculture di ambito senese – il San Vittore e il Bacco di Antonio Federighi e l’opera di Cesare Maccari raffigurante Vittoria Colonna meditante un madrigale direttole da Michelangelo – che riportano a una davvero suggestiva atmosfera protomichelangiolesca.

“Nell’occasione dell’omaggio senese a Michelangelo, la Fondazione Casa Buonarroti ha voluto esporre alcuni documenti dal proprio ricchissimo archivio che raccontano dell’incarico del Cardinale a Michelangelo, corredati da opere che testimoniano dell’influenza michelangiolesca sull’arte senese – sottolinea l’on. Pietro Folena, presidente di Metamorfosi, organizzatrice della mostra in collaborazione con Vernice Progetti Culturali- il nostro obiettivo è infatti quello di favorire la produzione e la diffusione, grazie all’opera degli studiosi più autorevoli e riconosciuti, di occasioni uniche e irripetibili, capaci ogni volta di tirare un filo, aprire un pezzo di archivio, far vivere dei documenti, ricercare e testimoniare le radici comuni della nostra identità nazionale”.

Informazioni sulla mostra

La vita di Michelangelo. Carte, poesie, lettere e disegni autografi

Aperta tutti i giorni dalle ore 10,30-19,30
Biglietto intero: € 6.00.
Ridotto: (per gruppi, ultra sessantacinquenni e convenzioni): € 3.00.
Gratuito: bambini fino a 6 anni, disabili e accompagnatori, funzionari del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il biglietto della mostra dà diritto alla riduzione di euro 0,50 per la visita al Duomo di Siena.

Informazioni: 0577/534511- 0577/534501