Questa è una di quelle notizie che fanno davvero piacere: la mostra sul Bembo a Palazzo del Monte di Pietà a Padova sta riscuotendo un successo inaspettato di pubblico ed è letteralmente presa d’assalto, tanto che gli organizzatori -la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in collaborazione con CISA Palladio- hanno deciso di correre, per quanto possibile, ai ripari prolungando gli orari di apertura ed eliminando l’’unico giorno di chiusura settimanale. Così da subito, tutti i fine settimana si avrà la possibilità di visitare la mostra un’ora in più dell’orario prima in vigore. Il che significa una apertura ininterrotta dalle 9 alle 20 tutti i venerdì e sino alle 21 i sabati. Eliminata poi la chiusura settimanale di lunedì. La mostra è aperta sette giorni su sette fino al 19 maggio. In questo modo ci si augura di poter dare una risposta alla lunga lista di attesa di gruppi organizzati e singoli che soprattutto nei fine settimana hanno serie difficoltà ad accedere alla mostra.

Dal 2 febbraio al 19 maggio, a Palazzo del Monte, si sono accesi i riflettori sulla mostra Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento che ha riportato a Padova, dopo cinque secoli, i capolavori della collezione che l’intellettuale veneto, poi divenuto cardinale, aveva riunito nella propria casa, ancora esistente nell’attuale via Altinate. La mostra, che negli scorsi mesi è stata preceduta da un convegno internazionale di approfondimento, è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo insieme al Centro Internazionale Andrea Palladio e con il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali.

Per promuovere l’evento è stata scelta Casa Bembo, oggi sede del Museo della Terza Armata. Qui, negli anni padovani di Bembo, ovvero a partire dai primissimi anni Trenta del Cinquecento erano concentrati dipinti di grandi maestri come Mantegna e Raffaello, sculture antiche di prima grandezza, gemme, bronzetti, manoscritti miniati, monete rare e medaglie. La ricchezza e varietà degli oggetti d’arte, raccolti per gusto estetico ma anche come preziose testimonianze per lo studio del passato, rese agli occhi dell’Europa del tempo la casa di Bembo come “la casa delle Muse” o “Musaeum”, precursore di quello che sarà il moderno museo.

Per una breve stagione, proprio grazie all’influenza di Bembo e al suo gusto collezionistico, Padova divenne baricentro e crocevia della cultura artistica internazionale, perché in città prendeva vita qualcosa di inedito che avrà enormi ripercussioni nei secoli a venire, la nascita di una nuova tipologia di raccogliere e presentare non solo l’arte, ma la conoscenza stessa: il Museo, termine che da allora diviene universale. Dopo la morte di Bembo i capolavori vennero venduti dal figlio Torquato e si dispersero nel mondo ed oggi sono conservati nei grandi musei internazionali, che li concederanno eccezionalmente in prestito in occasione della mostra padovana.

Pietro Bembo è una figura poliedrica nell’Italia del Rinascimento. Veneziano di nascita, padovano di elezione, di casa nella Roma dei Papi, egli fu molte cose insieme, e tutte al massimo grado. Fu poeta, Storiografo e Bibliotecario della Repubblica Veneta, e il letterato che influenzò in modo determinante la letteratura rinascimentale. Con Aldo Manuzio rivoluzionò il concetto di libro, curando volumi di classici di piccolo formato privi di commento, che potessero essere letti al di fuori delle aule universitarie. Amò donne bellissime come Lucrezia Borgia, e cantò l’amore, non solo platonico, negli Asolani e nei Motti. A sessantanove anni fu nominato cardinale da Papa Paolo III, e pose le basi per la leggendaria Biblioteca Vaticana. Oltre che di Raffaello e Michelangelo fu amico, guida e protettore di artisti come Giovanni Bellini, Sansovino, Sebastiano Dal Piombo, Tiziano, Benvenuto Cellini, Valerio Belli, di cui collezionò e spesso ispirò le opere.

Il titolo dell’esposizione, Bembo e l’invenzione del Rinascimento, riporta all’Italia sul finire del Quattrocento, quando la penisola è frantumata in piccole corti e centri di potere. Ad un paese in piena crisi politica e militare, Bembo offre una identità comune in cui riconoscersi. Egli è infatti fautore di un’idea di unificazione dell’Italia a partire dalla creazione di una lingua nazionale: nelle Prose della volgar lingua, pubblicato nel 1525, Bembo codifica le regole dell’italiano, fondandolo sugli scritti di Petrarca e Boccaccio. Sul versante dell’arte, Bembo indica Michelangelo e Raffaello come campioni di un nuovo, rivoluzionario fare artistico, che egli vede simmetrico a quanto accade nel campo della letteratura. Coglie infatti nel loro procedere creativo una nuova “lingua dell’arte” basata sulla grandezza dell’arte romana antica, e che ricerca una perfezione senza tempo e senza connotazioni regionali: un linguaggio universale che sarà riconosciuto nei secoli a venire come quello del Rinascimento italiano. Grazie a Bembo, Michelangelo e Raffaello un’Italia suddita delle grandi potenze sul piano militare, trionfa in Europa conquistando il primato con le armi dell’arte e della cultura.

Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento – Capolavori di Bellini, Giorgione, Tiziano, Raffaello
Palazzo del Monte di Pietà, Padova
Dal 2 febbraio al 19 maggio 2013
http://www.mostrabembo.it/