Triennale Design Museum propone la mostra The New Italian Design 2.0 negli spazi del National Taiwan Craft Research and Developement Institute di Nantou (aperta fino al 20 novembre 2012): una ricognizione sul design italiano contemporaneo che ne documenta le trasformazioni e il legame con i cambiamenti economici, politici, tecnologici del secolo. Triennale Design Museum, il primo museo del design italiano, diretto da Silvana Annicchiarico, porta avanti con questa mostra un percorso di analisi, valorizzazione e promozione della nuova creatività italiana. Emerge un panorama ricco e variegato, che parte dal furniture design fino ad abbracciare nuove forme di comunicazione, dal food al web design, dal fashion al textile design, dal design del gioiello alla grafica e alla multimedialità fino ai complementi d’arredo e all’oggettistica.

Gli oggetti esposti spaziano da autoproduzioni a produzioni in grande serie, da oggetti artistici a altri prettamente industriali. Molti dei designer coinvolti sono già affermati a livello internazionale e lavorano per importanti aziende del settore. La mostra presenta 282 progetti, di cui 165 sul design di prodotto, 30 sulla grafica, 54 su oggetti legati al corpo come gioielli, borse e accessori, 14 sulla ricerca, 14 sul food design, 5 sull’interior design. The New Italian Design 2.0 è la versione aggiornata e ampliata dell’omonima mostra presentata per la prima volta nel 2007 alla Triennale di Milano, nata da un censimento su scala nazionale con l’intento di mettere a fuoco il passaggio nel mondo del design dal XX al XXI secolo evidenziandone il sostanziale cambiamento di ruolo della professione. La mostra ha fatto tappa a Madrid (2007), Istanbul (2010) e Pechino (2012).

The New Italian Design 2.0
National Taiwan Craft Research and Developement Institute, Nantou, Taiwan
Fino al 20 Novembre 2012.
Ideazione e coordinamento Silvana Annicchiarico.
Cura e allestimento Andrea Branzi.