Mentre in Italia si discute sul nuovo sistema elettorale per le europee, in particolare sullo sbarramento dei partiti al 5% e sulle liste bloccate che non permettono la preferenza, dall’Unione Europea giunge la data esatta del voto: il 7 giugno 2009.
L’annuncio è stato fatto all’ANSA dal segretario generale del parlamento europeo, attualmente nel belpaese, Harald Romer.
Azzardando un paragone con gli altri stati ha affermato che, mentre nelle Penisola è in atto il dibattito sulla legge elettorale che verrà utilizzata da qui a sette mesi, nel resto d’Europa le regole sono già state definite, sottolineando: «non ci sono regole comuni, ma prevalgono il sistema proporzionale e le preferenze. E’ una buona base per andare verso un’armonizzazione delle norme elettorali».

Fonte: wikinotizie