La copertina di Time dedicata a Keynes

All’ inferno le ideologie e il culto irrazionale del sacro mercato, l’America ritrova la virtù che l’ ha resa l’ America: il pragmatismo. «Misure senza precedenti per affrontare una sfida senza precedenti» annuncia Bush l’ ex neocon trasformato in neokeyn, per spiegare che anni di anatemi antistatalisti sono stati buttati nel vento della crisi in favore dell’ interventismo pubblico di sapore keynesiano. Per salvare, se ancora si può, il salvabile. Sarà proprio la esecrata “mano pubblica”, con soldi pubblici, a intervenire per stabilizzare i mercati isterici, facendo piovere senza limiti prefissati dollari stampati dalla zecca sui buoni e sui cattivi, su chi lo merita e su chi non lo merita. George W. Bush è diventato Franklyn Delano Roosevelt, pronto a inondare Wall Street con almeno un trilione di dollari, mille miliardi di dollari, secondo i calcoli degli economisti, per evitare che la grande siccità del credito uccida i giusti e gli ingiusti nel deserto del credito. è una gigantesca “operazione Alitalia” fondata sullo stesso balordo, ma ormai inevitabile principio del “privatizzare i profitti” e “statalizzare i debiti”. Con, alle spalle, lo stesso ricatto del fallimento epocale. Non è finito, in queste ore sconvolgenti, il capitalismo americano. è finito un modo di concepire il capitalismo che aveva dominato il discorso nazionale americano dagli anni ‘ 80 di Reagan. Bush, che per mesi aveva ripetuto il mantra sempre più grottesco della «economia fondamentalmente sana», come aveva fatto McCain, ha fatto l’ inversione a “U” che sarebbe stata necessaria nel 2007 e che la sua zavorra ideologica, e la fissazione sciagurata con la sempre sfuggente e costosissima “vittoria in Iraq”, (700 miliardi finora) gli avevano impedito di fare. Questa vacanza del potere politico centrale, che nessun tecnico per quanto competente, come sono i vecchi ragazzi della Goldman Sachs che oggi governano a fianco del Presidente, può surrogare in una democrazia, era il cuore infartato di questa crisi. Aggravata dalla confusione di una campagna elettorale che da 14 mesi rimbomba nella testa di una popolazione con messaggi contraddittori, confusi, propagandistici. Dunque accentua quello stato di incertezza e di irrazionalità che è, sempre, la benzina sul fuoco di ogni incendio finanziario. Quello che Bush ha annunciato ieri, affiancato dalla trimurti della governance economica americana per dargli autorevolezza, è keynesismo puro. è «deficit spending» classico, senza preoccuparsi di bilanci federali che sprofonderanno nell’ inchiostro rosso e sono destinati a raggiungere il 7% del Pil. Ma lo schiaffo della realtà, che arriva sempre a svegliare i presidenti americani dall’ ipnosi delle loro ideologie, nel mondo come in casa, ha svegliato anche un Bush che se avesse, quattro anni or sono, annunciato in campagna elettorale l’ intenzione di gettare mille miliardi di dollari per salvare i mercati mobiliari e immobiliari sarebbe stato, più che sconfitto, arso vivo. Ma qui siamo di fronte «a sfide senza precedenti», ha ammesso tardivamente e rischi senza precedenti richiedono «azioni senza precedenti», un eufemismo per dire: si cambia rotta. Lasciare che la nave di Wall Street s’ inabissasse trascinando con sé le borse del mondo che rimangono tutte «wallstreet dipendenti», da Shanghai a Mosca, avrebbe devastato l’ economia americana dove fa male e garantito la vittoria di Barack Obama, i cui sondaggi avevano ripreso a salire in relazione inversa ai listini di Borsa. Avrebbe colto non soltanto nei “bonus” delle migliaia di brokers lasciati con lo scatolone dei loro ricordi in braccio, in fondo poche persone in un oceano di 150 milioni di famiglie, ma anche nell’ esistenza quotidiana della gente di «Main Street», della via principale dei paesi, dove polizze vita, fondi comuni, gruzzoli di obbligazioni a reddito fisso, crediti al consumo e mutui sono il presente e il futuro dell’ esistenza reale. Sulla latitanza della guida politica del Paese e sulla confusione generata da candidati che dicono alla mattina il contrario di quello che dicono alla sera (McCain era fino a ieri il campione della “deregulation” e oggi invoca un controllore sotto ogni letto a Wall Street, mentre l’ inesperienza di Barack Obama non rassicura) la famigerata speculazione aveva puntato. Era sicura che questa amministrazione non avrebbe mai potuto rinnegare il proprio fondamentalismo liberista e la cultura delle cose che si aggiustano da sole. I ribassisti, coloro che puntano sulla caduta dei titoli e che sparecchiano quei miliardi che impropriamente i media definiscono “bruciati” ma invece arricchiscono tanto quanto i rialzi, avevano avuto il controllo del campo, alimentando una difficoltà di credito reale, ingigantita dalle loro azioni piratesche. L’ ideologo del Texas è stato persuaso a fare ciò che è necessario, non ciò che è ideologicamente corretto. Il Bush che sembrava il tragico Herbert Hoover ottimista del 1929 («La prosperità è dietro l’ angolo») è diventato il Roosevelt del 1932, che inventò quegli strumenti di protezione che da allora, come ha detto giustamente, «non hanno mai fatto perdere un centesimo a chi ha conti correnti», ma non certo per merito della destra. Estenderà la protezione federale esistente sui CC, sui risparmi e sui certificati di deposito, anche ai fondi di «money market», quelli che fino a ieri non erano assicurati da Washington e flottavano pericolosamente sul mercato seguendo l’ andamento degli interessi, costituendo una grossa parte, almeno il 30%, dei fondi pensione. Prosciugherà, sempre con danaro pubblico, la palude dei mutui immobiliari inesigibili, i “subprime” definiti “tossici” perché avvelenano i bilanci delle banche. Dunque lo stato federale, cioè noi contribuenti, diventerà proprietario involontario di milioni di abitazioni in protesto e di passività che saranno smaltite in anni. Il gioco al ribasso contro le 799 finanziarie ancora in piedi sarà bloccato per dieci giorni e rinnovabile ancora, violando il loro sacro diritto alla speculazione, per salvare il salvabile. E il Tesoro potrà stampare tutti i miliardi di dollari che desidera senza temere di accendere il falò dell’ inflazione, come accadrebbe in tempi normali perché il nemico del giorno è la “deflazione”, la paralisi del credito. Naturalmente pagheremo in futuro questo tsunami di dollari, in termini di inflazione, quando la bufera sarà passata, ma questo è un commento per la crisi di domani. Bush, il cowboy neocon divenuto neokeyn, ha creato un’ euforia irrazionale nei mercati eguale e contraria al panico di ieri nella solita altalena di ingordigia e paura. In attesa di un nuovo governo stabile, si può sperare che questa non sia la fine del mondo, ma soltanto la fine di un mondo, dal quale un altro nascerà. La ciclicità di “boom” e “bust”, di fortune e di rovesci, di regole e di sregolatezza, è la sola certezza del capitalismo americano che sa, contrariamente a quello che sognava Karl Marx, sopravvivere anche al proprio peggior nemico, cioè se stesso.

[fonte: Vittorio Zucconi – Repubblica]