Difendiamo la costituzione italiana, difendiamo il diritto di essere cittadini liberi, con uguali diritti e uguali possibilità, il diritto di essere rappresentati, di essere informati, di potersi esprimere, di poter scegliere.

Difendiamo i valori dell’antifascismo e della solidarietà sociale, principi alla base del convivere civile nel nostro paese.

Medeaonline vi propone di rileggere la Costituzione italiana, il testo fondatore della nostra storia repubblicana, e lo fa con un e-book che potete scaricare gratuitamente su medeastore o che potete acquistare in formato cartaceo attraverso il servizio offerto da lulu.com.

***

“La Costituzione della Repubblica Italiana è nata in un periodo drammatico della nostra storia nazionale. L’Italia, reduce da una disastrosa guerra, era ancora sconvolta da innumerevoli lutti. Il risveglio dall’incubo del fascismo era stato tutt’altro che morbido e, per tantissimi motivi, il futuro che si profilava era quello di un paese di confine, conteso tra due blocchi – quello sovietico ad est e quello americano ad ovest – e diviso in mille identità.

Nonostante la miseria, la fame e le tante difficoltà, gli italiani seppero risollevarsi e ritrovare una comune visione di come avrebbe dovuto essere lo Stato nel quale volevano crescere i loro figli. Così nacque la costituzione che è “degli italiani” proprio perché esprime il meglio delle loro ambizioni come società, mette in risalto ciò che di positivo c’era e c’è in una cultura che viene da lontano e che vuole fare ancora tanta strada.

Oggi come allora la Costituzione è un testo fondamentale, bellissimo nella sua chiarezza e semplicità. Un testo immancabile e irrinunciabile per chiunque voglia far parte della comunità degli italiani o sia semplicemente interessato a conoscerla più a fondo. Già perché, ci crediate o no, la Costituzione è degli italiani perché parla proprio di noi, di una civiltà condivisa e complessa che, seppure aggregata in uno stato nazionale solo dal 1861, si riconosce come tale almeno dal Rinascimento.

Difficile non essere orgogliosi di una Costituzione così concreta, pragmatica eppure al tempo stesso idealista, piena di slanci verso una realtà che si può costruire con la tenacia e la determinazione. Lo sapevano bene i padri della Repubblica che hanno dovuto ricostruire una nazione da un cumulo di macerie e sarebbe bene non lo dimenticassimo neppure noi.

L’universalità cristiana, l’umanesimo di derivazione classica, il senso di uguaglianza e giustizia tipici del miglior socialismo, il sogno utopico di un mondo migliore di matrice comunista: in questo testo c’è tutto – tranne il fascismo rifiutato senza appello quando ancora bruciavano le ferite che aveva lasciato in eredità – perché di questi ingredienti, in fondo, sono fatti gli italiani. Contraddittori eppure perfettamente coerenti con se stessi, un popolo che è un vero e proprio miracolo vivente, un caso unico al mondo. Riproporre ora la Costituzione della Repubblica Italiana è importante perché crediamo che il modo migliore per difenderla dagli attacchi a cui è sottoposta in questi giorni sia proprio riportarla (o portarla per la prima volta) nelle case degli italiani. (…)

Questo libro è il nostro contributo a una battaglia per la difesa dei diritti dei cittadini italiani, in primis quello di essere correttamente informati. Una battaglia in favore della rinascita di una coscienza civile nel nostro paese.

Dall’Introduzione a La Costituzione degli italiani, Medeaonline Edizioni, Marzo 2009