Image

Arte

Nome in codice "progetto Manhattan"

By  •  Indice, Arte, Società

Pannelli di controllo e operatori davanti agli enormi calcolatori presso il Complesso Y-12 a Oak Ridge, Tennessee.Quella del “progetto Manhattan” è la storia di uno dei più grandi successi scientifici, ma è anche la storia della creazione della più micidiale arma mai inventata dall’uomo. Stiamo naturalmente parlando dell’atomica e, per ripercorrere i passi che portarono gli Stati Uniti a crearla è necessario tornare indietro al 1939. L’11 settembre del 1939 Albert Einstein sottoscrive una lettera indirizzata all’allora presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt, nella quale sostiene la necessità di battere sul tempo le potenze dell’Asse nella creazione di un programma di armamento atomico. Nasce così quello che in seguitò verrà definito il “Progetto Manhattan”: la più grande e tremenda sfida scientifica affrontata dall’umanità. Si trattava non solo di piegare la fisica alle esigenze belliche, per molti partecipanti al progetto si stava creando in laboratorio una nuova speranza per mettere la parola fine ad un conflitto senza precedenti. Read More

Sulle spalle dei Giganti 1 – Keynes: il più grande economista del XX secolo

By  •  Indice, Arte, Società

Inauguriamo con Keynes una rubrica dedicata ai grandi personaggi della storia, agli uomini che – con la forza delle loro idee – hanno in qualche modo cambiato il corso della storia.
John Maynard Keynes, primo Barone Keynes di Tilton (Cambridge, 5 giugno 1883 – 21 aprile 1946), da molti considerato il più grande economista del XX secolo, ha influenzato grazie alle sue idee sia l’economia che la politica. Viene ricordato soprattutto per aver sostenuto la necessità dell’intervento pubblico nell’economia con misure sia fiscali che monetarie qualora una insufficiente domanda aggregata non riesca a garantire la piena occupazione. Le sue idee sono state sviluppate e formalizzate nel dopoguerra dagli economisti keynesiani (della scuola keynesiana). È inoltre considerato il padre della moderna macroeconomia. Read More

Il miglior video di sempre? Per gli inglesi è Bohemian Rhapsody

I Queen in concertoLa compagnia telefonica O2 ha organizzato un sondaggio nel Regno Unito per stabilire il miglior videoclip di tutti i tempi. Dopo aver intervistato 1051 cittadini britannici l’azienda ha dichiarato che il 30% del campione scelto pone al primo posto della propria classica personale il videoclip del 1975 Bohemian Rhapsody dei Queen.
La regia del filmato, spesso considerato il pioniere delle moderne opere audiovisive musicali, fu affidata a Bruce Gowers. Read More

Tutti amano Donnie Darko

By  •  Indice, Arte

Un'immagine del film Donnie Darko

Che cosa abbiano trovato in Donnie Darko i milioni di cultori di questo fu flop dei botteghini è difficile e facile a dirsi. Donnie Darko è la creatura di Richard Kelly che, nel 2001, incassò pochissimo ed ebbe breve vita nelle sale americane. Trascinato, tuttavia, da un crescente e autentico fenomeno di adorazione di massa sotterranea, ora Donnie Darko riesce in superficie. Read More

Il Giappone alla conquista dello spazio

By  •  Indice, Arte, Società

Ieri, a cinquant’anni esatti dal lancio dello Sputnik, la sonda giapponese Selene (acronimo di Selenological and Engineering Explorer) è entrata nell’orbita della Luna, portando a termine la prima parte della missione iniziata con il lancio, il 14 settembre scorso. Ne hanno dato notizia le autorità nipponiche.
La spedizione della sonda permetterà, grazie all’ausilio di due ulteriori satelliti più piccoli, di studiare l’origine e l’evoluzione della Luna avvalendosi dell’utilizzo di 14 strumenti. La Jaxa, l’Agenzia Spaziale Giapponese, ha rivelato di essere molto orgogliosa di questa missione, definendola la più importante dopo il Programma Apollo statunitense degli anni ’60 e ’70: «È una missione che va al di là del programma lunare dell’Unione Sovietica e dei progetti Clementine e Lunar Prospector della Nasa». Read More

Le vergini suicide

By  •  Indice, Arte

Nell’America suburbana degli anni settanta una famiglia, la famiglia Lisbon – padre madre e cinque figlie –, è annientata da una serie di suicidi. Le figlie dei Lisbon, una a una, si tolgono la vita apparentemente senza alcuna ragione. Gli elementi di questo romanzo – malsano e bellissimo fino a diventare disturbante –, sono semplici, quasi banali, almeno quanto le esistenze dei ragazzi che raccontano questa storia (il narratore collettivo). Non c’è morale in questo romanzo di Jeffrey Eugenides, solo il racconto malinconico di speranze infrante. Read More

Cos'è Medea, ovvero come nasce un'utopia

By  •  Indice, Arte, Società

Pubblicare un magazine on-line è un atto di fede o di assoluta follia. Se ci si ferma a riflettere per un istante sulla quantità di informazioni presenti in internet, sulla mole di siti a disposizione dei navigatori, non si può fare a meno di chiedersi che senso possa avere aggiungere altro materiale. Cosa pensare dunque di Medea: si tratta di pura fede o siamo di fronte alla follia? L’unica cosa certa è che Medea nasce da una decisione del tutto irrazionale. È veramente difficile prevedere un futuro roseo per un magazine completamente privo di “sponsorizzazioni”. Non ci sono nomi noti in redazione e non esiste una vera e propria “proprietà” in grado di sostenere l’iniziativa. Read More

Flavio Caroli racconta i segreti dell'arte

By  •  Indice, Arte

Milano. Lo abbiamo trovato in mezzo ai suoi studenti il professor Caroli. Un pomeriggio dei primi giorni di Settembre: sessione autunnale degli esami di storia dell’arte. Il professore ci riconosce: «Lei è stato mio studente, vero?». E in effetti così è stato. «Come sta? Cosa fa di bello ora? Mi dica, posso esserle utile?». Il Professor Caroli è sempre pronto a parlare d’arte: «Sono qui per una breve intervista sul ruolo dell’arte oggi». Al professor Caroli si illuminano gli occhi: la sua passione, il suo amore per l’arte è quasi incontrollabile. Read More

Antolini, De Luca e Sargentini: tre giovani autori raccontano vita, opere e misteri del Maestro Venanti

Fortunatamente Franco Venanti decise di abbandonare gli studi giuridici e di dedicarsi all’arte. Fortunatamente l’aspirante giurista lasciò il posto al Maestro Venanti e nacquero quei capolavori che, altrimenti, non avremmo mai potuto ammirare ed amare.
Venanti è uno di quegli artisti di cui è difficile scrivere vuoi per la complessità dei suoi lavori, vuoi per quel suo carisma particolare e unico nella storia dell’arte italiana. Molti – troppo pochi a dire la verità – l’hanno giustamente celebrato in passato. La Stato ha riconosciuto nel ’78 la sua importanza per la cultura italiana insignendolo del titolo di commendatore e grande ufficiale, poi – nel 2003 – è stato benemerito della cultura. Read More

Firenze, 1966: prima venne il fango, poi la speranza
11 anni ago

Firenze, 1966: prima venne il fango, poi la speranza

By  •  Indice, Arte, Società

Accadeva ogni anno, puntualmente verso la fine di ottobre. Le piogge si facevano più frequenti e i fiumi s’ingrossavano. L’Arno, il Bisenzio e l’Ombrone Pistoiese minacciavano i centri abitati e spesso arrivavano persino ad esondare. Erano catastrofi annunciate e, nella maggior parte dei casi, l’esperienza aveva insegnato ai toscani come gestirle al meglio. Read More