L’alcolismo è una delle tante emergenze infinite che tormentano il nostro paese (e non solo). Aldilà dei monopoli di stato, delle mode e delle ipocrisie prima o poi dovremo accettare il fatto che il suo abuso sconsiderato e incontrollato, produce degli effetti devastanti sulla società.  Il mondo politico, a ogni tornata elettorale, si spertica in imbarazzanti dichiarazioni di guerra all’abuso di alcol, poi concretamente non fa nulla. Tutto è demandato alle forze dell’ordine che hanno pochi mezzi, pochi uomini e sempre meno sostegno finanziario e di sicuro non possono intervenire, se non in modo episodico, in un problema molto più ampio che riguarda le abitudini, o meglio i vizi, di un’intera società. E gli italiani cominciano a bere, chi per un motivo che per l’altro (qualcuno anche senza motivi), sempre prima. Vi proponiamo un estratto dall’Espresso che racconta fedelmente, cifre alla mano, l’evolversi di un problema che, probabilmente, affronteremo solo quando i giornali cominceranno a definirlo “emergenza nazionale”.

Martina ha 15 anni, l’alito che sa di grappa e il naso sporco di sangue. Alle due di pomeriggio è seduta sul ciglio della strada nel centro di Milano, tra autobus che la sfiorano e passanti che la ignorano. Ha gli occhi socchiusi e l’aria assente. Poi si riaccende, vede che non è sola e racconta senza imbarazzi le sue giornate: “Tutte uguali”, dice: “La mattina passo dal supermercato e compero birra, grappa e pseudo soft drink. Poi arrivo a scuola e mi faccio dare i soldi dai compagni che bevono con me. Ci chiamano i bottiglioni, ma chi se ne frega. All’intervallo andiamo nei bagni e ci sfondiamo di alcol, dopodiché torniamo in classe e stiamo da dio. A volte ci assopiamo pure, mentre i professori fanno lezione e fingono di non vedere. O forse non si accorgono proprio, questo non l’ho ancora capito”.
Così ogni giorno, ogni settimana. Solo che oggi, 27 settembre, le lezioni sono finite male. Uscita dal liceo scientifico, Martina è andata in confusione ed è caduta con il motorino. Allora tutto è girato storto e “m’è venuta la paranoia”. Ma non c’è problema, dice: “Questo weekend lo passo in casa a studiare. Lunedì m’interroga la prof di latino e voglio uscirne bene”.
Leva il sangue dal viso con un fazzoletto rosa, si aggiusta in spalla lo zainetto e saluta: apparentemente normale. Sorridente. Contenitore perfetto per nascondere il suo problema. Quello che Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, definisce un’epidemia culturale tra i giovani. Il bere per il bere: a qualunque ora, senza limiti. Per la voglia di ubriacarsi, di fulminarsi e andare altrove: “In una dimensione irreale dove i ragazzini cercano un’identità”, dice Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol all’Istituto superiore di sanità: “Un buco nero nel quale troppi minori scivolano senza accorgersene”.
Peggio ancora va con gli adulti: “Nel senso che sottovalutano gli abusi alcolici dei figli”, dice Scafato. In questi giorni l’attenzione è centrata sulle tabelle antisbronza che discoteche e pub espongono dal 23 settembre. L’obiettivo è limitare i danni del sabato sera, centinaia di ragazzi che puntualmente si schiantano in automobile. Ma il problema parte prima, molto prima della maggiore età.
“L’Italia”, dice Scafato, “ha un orribile record: si inizia a bere a 11 anni, contro la media europea di 13” Il resto è spiegato nell’ultima indagine Istat. Dal 1998 al 2007 il consumo di alcol fuori pasto tra i 14 e i 17 anni è passato dal 12,6 al 20,5 per cento: con le ragazze salite dal 9,7 al 17,9 e i maschi dal 15,2 al 22,7. Il che è l’opposto dello stereotipo nazionale: quello dell’adolescente con il goccio di vino a tavola, sotto lo sguardo complice di mamma e papà. Ma è in linea con il 19,9 per cento dei ragazzi che tra gli 11 e i 15 anni bevono alcol almeno una volta l’anno (54,7 nella fascia tra i 16 e i 17). E con il 7 per cento che tra i 14 e i 17 anni ammette di bere alcolici almeno una volta la settimana.
Francesco alza le spalle, quando sente le statistiche. C’è anche la sua storia, in questi numeri, ma non gli importa. Da tre anni ha finito le scuole medie, fa il manovale nei cantieri fuori Roma e alle 11 del mattino gira per le impalcature con una bottiglia di birra in mano. “Bere è bello”, dice: “Cioè, ti stordisce. Però t’aiuta…”. Sei mesi fa, racconta, è andato in crisi: “L’idea di scaricare mattoni a vita m’ha mandato ai matti”. Allora ha provato a cambiare settore: fattorino, magazziniere, idraulico. Porte chiuse in faccia.
A 16 anni, con 500 euro al mese in nero, si è sentito finito. E ha iniziato a bere: prima in compagnia, tutte le sere “birra, vino, whisky, ma anche sambuca e amari”; poi sul lavoro, senza pensare ai rischi. Finché un giorno è caduto da un primo piano e si è spaccato un braccio. “Al pronto soccorso il dottore m’ha sgamato”, ricorda: “M’ha detto di andarci piano, con le bevute. E io ho risposto: esagero, invece.Meglio ammazzarsi di vino che ‘sto strazio”.

[fonte: Riccardo Bozza – l’Espresso]